12 Giugno Giu 2015 1143 12 giugno 2015

Scandalosi come Cristina

L'infanta di Spagna si è vista revocare il titolo di duchessa a causa dei suoi guai giudiziari. Chi sono gli altri rampolli che hanno imbarazzato le casate reali di tutta Europa? Scopriamoli.

  • ...
HRH Infanta Cristina attend Sociology and Politic Science Award

Altezza reale sì, Duchessa di Palma di Maiorca no. A revocarle il titolo, secondo la versione ufficiale, ha provveduto l'unica persona che poteva farlo, il fratello, nonché Re di Spagna, Felipe VI. Una scelta obbligata, vista l'incriminazione per reati fiscali che l'infanta deve affrontare insieme al marito. Ma lei non ci sta. E ci ha tenuto a precisare che non si tratta di una revoca, ma di una «rinuncia». L'infanta, attraverso il suo avvocato, ha infatti comunicato di aver scritto una lettera - datata il 1° di giugno - in cui comunicava al fratello Re la decisione di rinunciare di sua spontanea volontà al titolo. Peccato che la missiva, fa sapere la casa reale, sia arrivata (per posta elettronica) solo dopo la pubblicazione del decreto reale che reca la firma di Felipe VI. Altre fonti ufficiali assicurano che Felipe VI avrebbe chiesto ripetutamente alla sorella di rinunciare prima della pubblicazione del decreto. Insomma la vicenda è complicata.
E dire che, quando si sposò nel 1997, Cristina era il membro più popolare della famiglia. Ma la casa reale dei Borboni negli ultimi anni non ha goduto certo di buona fama, anche per colpa della passione per i safari di Juan Carlos, che abdicò in favore del figlio. La famiglia reale spagnola non è però l'unica casata europea ad avere affrontato scandali di ogni genere. Vediamo quali sono le altre teste coronate che hanno suscitato sdegno, scandalo e indignazione tra i media e l'opinione pubblica.

METTE-MARIT, PRINCIPESSA EREDITARIA DI NORVEGIA
Lui è l'erede al trono di Norvegia, lei è la ragazza che viene dal popolo. Sembra una fiaba, ma all'epoca in cui venne annunciato il fidanzamento furono in molti a dirsi contrari. Perché Mette-Marit era una cameriera e una ragazza madre. Il padre del suo primo figlio? Uno spacciatore di droga. E, a sentire le voci del corridoio, nemmeno lei in passato ha girato alla larga da festini a base di stupefacenti. Ma dal 2001, anno del matrimonio col principe Hakon, Mette-Marit ha rigato dritto.

MARTA LUISA DI NORVEGIA
Rimaniamo in Norvegia e puntiamo i riflettori sulla sorella di Hakon. Memorabile la lezione che fece tenere a una chiaroveggente presso la sua Soulspring School. D'altronde Marta Luisa l'ha detto forte e chiaro: anche lei è in grado di comunicare con gli angeli e con gli animali.

STEPHANIE DI MONACO
Nella famiglia Grimaldi, lo scandalo è di casa. La vita sentimentale di Stephanie, poi, è da antologia. Nel 1992 rimane incinta del suo bodyguard, Daniel Ducruet, che sposa nel 1995 e da cui divorzia nel 1996, dopo aver messo alla luce un'altra figlia. La terza pargola arriva nel 1998. Il padre non è Ducruet, ma (pare) Jean Raymond Gottlieb, un instruttore di sci. Ma la vera passione di Stephanie si rivela essere il circo. Nel 2001 inizia una relazione con un domatore di elefanti, ma poi, nel 2003, sposa l'acrobata portoghese Adans Lopez Peres. Da cui, ovviamente, divorzia.

CARLO FILIPPO DI SVEZIA
Notevole anche il curriculum del Duca di Värmland. Incallito playboy, il 13 giugno si sposa con Sofia Hellqvist, ex modella di nudo. Carlo Filippo nel 2012 è stato protagonista di quella che si potrebbe definire come un'estate da leoni. Prima ha imperversato per le vie di Stoccolma completamente ubriaco indossando una maschera da alieno. Poi, mentre era in vacanza a Cannes, è stato vittima di un happy slapping, vale a dire di quella pratica che consiste nel prendere a schiaffi ignari passanti. In una delle notti successive, poi, si ritrovò senza portafogli, documenti, cellulare o chiavi della macchina. Dovendo prendere parte a una gara automobilistica, ha raggiunto il circuito in autostop, per salire frettolosamente a bordo della vettura da corsa e uscire di pista al primo giro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso