3 Giugno Giu 2015 1319 03 giugno 2015

Cinema, quando lui ha vent'anni più di lei

Si chiama age gap il divario di età che separa uomini e donne sul grande schermo. È davvero sempre così ampio? Ecco che cosa emerge da una ricerca condotta su 400 film romantici.

  • ...
landscape_1427190028-pretty_woman

Maggie Gyllenhaal.

John Sciulli - 2015 Getty Images

«Ho 37 anni e sono considerata troppo anziana per affiancare un 55enne sul grande schermo». Parola di Maggie Gyllenhaal, attrice di successo che, come molte delle sue colleghe coetanee, da qualche tempo fatica a trovare ruoli adatti a una donna della sua età. Tanto che, qualche tempo fa, alcune attrici avevano lanciato un appello al popolare sito di cinema IMDb: «Oscurate la nostra data di nascita, se siamo 'vecchie' non ci assumono». Dove 'vecchie', appunto, significa avere più di trent'anni. E, quindi, attori maschi cinquantenni spesso e volentieri si ritrovano accoppiati, quantomeno nella finzione, con donne under 25. Ma è davvero sempre così? Che proporzioni assume questo fenomeno? A fare chiarezza ci ha pensato una ricerca che ha preso in esame ben 422 film romantici.

In The Wolf of Wall Street, Leonardo DiCaprio ha 39 anni, Margot Robbie 23.

4,5 ANNI DI DIFFERENZA
A imbarcarsi in questa impresa è stato l'autore e produttore Stephen Follows, spinto proprio dalle parole della Gyllenhaal. L'obiettivo? Semplice: calcolare l'age gap, vale a dire il divario di età tra i componenti della coppia protagonista. È emerso che, mediamente, gli uomini sono 4,5 anni più vecchi delle loro partner. Il divario tende ad assottigliarsi, ma di poco, in quei pochi film dove la regista è una donna. Un dato che, in fondo, non si discosta di molto dall'age gap del mondo reale, dove (parliamo degli Stati Uniti), le donne sono circa tre anni più giovani dei loro partner. Ma c'è chi sostiene che l'immagine della coppia presentata nei film possa influenzare scelte e aspettative della vita reale.

Emma Stone e Colin Firth.

© 2014 Gravier Productions, Inc

SE LUI È UNA SUPERSTAR, IL GAP CRESCE
Di certo c'è che difficilmente vedremo sullo schermo una donna 50enne in compagnia di un 20enne, sebbene cougar e toyboy popolino numerose pagine di gossip. Piuttosto, alcuni attori sono ormai degli habitué del gender gap. Robert Redford recita solitamente con attrici vent'anni più giovani, mentre Richard Gere e Colin Firth si attestano intorno ai 12-13 anni di differenza. A proposito di Gere, notevole la differenza di età che lo separava da Julia Roberts ai tempi di Pretty Woman: lei aveva 22 anni, lui 40. Tra le nuove star, è Emma Stone però che si è vista appioppare i love interests più maturi. In Gangster Squad e Magic in the Moonlight, Sean Penn e Colin Firth la surclassano di ben trent'anni.

In Tutta colpa di Rio Michael Caine aveva 51 anni, Michelle Johnson 18.

E NEL MONDO REALE?
La sensazione, che però andrebbe confermata da ulteriori dati, è che, sebbene i dati complessivi di Follows mostrino un age gap tutto sommato risicato, nei film più importanti e con star maschili di prima grandezza (e quindi destinati a un pubblico più ampio) il divario aumenti vertiginosamente, senza essere 'compensato' da film dove le donne dovrebbero essere nettamente più mature dei coprotagonisti. D'altronde, secondo un sondaggio citato dallo stesso Follows, gli uomini, che abbiano 20 0 50 anni, anche al di fuori della finzione considerano sempre ideale una partner 20enne, mentre le donne preferiscono legarsi sentimentalmente ai coetanei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso