27 Maggio Mag 2015 1912 27 maggio 2015

Il prete sexy che ha incantato la tv

Attivo sui social, evangelizzatore per strada. Chi è Don Davide Banzato, il bel religioso ospite fisso di Rete 4.

  • ...

Guai a definirlo «sex simbol», perché «la bellezza esteriore prima o poi sparisce». Eppure l'avvenenza di Don Davide Banzato, volto di La strada dei miracoli, trasmissione politico- religiosa condotta su Rete 4 da Safiria Leccese, salta subito all'occhio. Padovano, 34 anni, incarna il mix letale occhi chiari, capelli scompigliati e barbetta incolta ma lo riempie di ottime capacità comunicative e una vera vocazione.

UN PRETE SOCIAL
Don Davide è sacerdote dal 2006, lavora nella comunità Nuovi Orizzonti fondata da Chiara Amirante in provincia di Frosinone, dove si prende cura di chi ha vissuto esperienze difficili, ed è da sempre impegnato nell'evangelizzazione di strada. Ma lavora anche a Radio Maria e al programma di Rai Due Sulla Via di Damasco. Eppure solo qualche anno fa  aveva giurato «Tutto, ma mai prete!». Attivo offline e online: Don Davide ha un account  Twitter da olte 6200 follower, un profilo Facebook che proprio il 27 maggio ha toccato i 5 mila amici, e un blog che aggiorna frequentemente.  Tra i suoi motti, insieme a #egioiasia, una citazione di Albert Camus: «Nella profondità dell’inverno ho imparato alla fine che dentro di me c’è un’estate invincibile»  Basta ripercorrere la sua storia per capire il perché.

UNA STORIA TRAVAGLIATA
Entrato in seminario a 14 anni,  più che altro «incantato da una struttura con 7 campi da calcio e tanti giovani che vedevo spensierati durante i raduni diocesani», lascia il seminario minore di Padova già alla fine della prima superiore. «La realtà mi si rivelò diversa quando mi trovai come seminarista sradicato dalla famiglia e ferito da un modello educativo fuori del tempo, in una 'campana di vetro'», si legge in una sua testimonianza vocazionale condivisa al Festival dei Giovani di Medjugorje. Dopo il seminario è iniziato per lui un periodo d'inferno, nel quale ha sperimentato «il vuoto, le tenebre dell’anima» e ha creduto che «non ci fosse più speranza né via d’uscita».

CADUTA E RINASCITA
Un anno di sfida a Dio: «Adesso voglio vedere se esisti. Faccio tutto il contrario di quello che mi hai insegnato. Se ci sei, sentirò la tua mancanza». Ma, come dice Don Davide, «Dio scrive dritto sulle righe storte», e allora nonostante due donne importanti e il pensiero del matrimonio, nel 2005  è diventato diacono e un anno dopo è stato ordinato sacerdote. «È avvenuto in me il miracolo di una nuova creazione».  Un potere che ha anche la tv. E che Don Davide usa per raccontare a tutti, telespettatori e non, la gioia della fede.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso