Gossip 27 Gennaio Gen 2015 1205 27 gennaio 2015

Quando Tom faceva spiare Nicole

È successo durante le riprese di Eyes Wide Shut. Con l'appoggio di Scientology.

  • ...
Cruise and Kidman Split

Nicole Kidman e Tom Cruise nel 2000. L'attore, che si era allontanato da Scientology proprio nel periodo in cui conviveva con la Kidman, oggi continua ad essere nel pieno dell'attivismo ed è diventato uno dei principali propagandisti della setta.

Getty Images

Tra lui e lei c'era Scientology. Che ostacolava la loro unione. Quindi non sorprende che il matrimonio tra Tom Cruise e Nicole Kidman non sia stato uno dei più longevi nella storia del cinema. E chissà che l'agonia della storia tra i due divi, conclusasi ufficialmente nel 2001, non sia iniziata proprio nel 1999 mentre giravano le scene del film di Kubrick, Eyes Wide Shut.
Perchè in quel periodo Cruise, d'accordo con gli amici della setta religiosa, ordinò di far spiare i telefoni della sua consorte.

LA VICENDA IN UN DOCUMENTARIO
Che la Kidman non godesse della simpatia di Scientology è acclarato. Ma adesso a confermarlo è arrivato anche il documentario Going Clear: Scientology and the Prison of Belief di Alex Gibney, tratto dall'omonimo libro denuncia scritto e pubblicato nel 2013 dal saggista Lawrence Wright.
Allora Scientology smentì furiosamente e la potente lobby che protegge la chiesa fondata da Ron Hubbard, un gruppo composto soprattutto da personaggi del mondo dello spettacolo, riuscì a sgonfiare il caso. Che ora, con la presentazione del documentario al Sundance Festival, è riemerso. Con una eco ancora maggiore. Perchè aggiunge alla storia particolari notevoli.
Per esempio ci sono immagini di Cruise che inneggia a Scientology e al suo fondatore, scomparso nel 1986. E ancora un'intervista a Mark Rathbun, ex braccio destro del capo della setta, David Miscavige, che racconta di aver personalmente ordinato l’intercettazione dei telefoni della Kidman, dopo aver cercato inutilmente di far cambiare idea a Miscavige.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso