Provocazioni 4 Dicembre Dic 2014 1733 04 dicembre 2014

Claudia Mori: «Basta, chiudo la casa di produzione»

  • ...
claudia mori

Claudia Mori

Provocazione per sbloccare i progetti congelati o stanchezza per i troppi ostacoli incontrati negli ultimi tempi? Claudia Mori non ha mezze parole: «Sto pensando seriamente di chiudere la Ciao Ragazzi, troppi ostacoli, forse è arrivato il momento di dire Ciao ragazze!!». A pochi giorni della messa in onda - lunedì 8 e martedì 9 dicembre su Rai1 - del film tv Francesco per la regia di Liliana Cavani con l'attore polacco Mateusz Kościukiewicz (Francesco), Sara Serraiocco e Vinicio Marchioni (Chiara ed Elia).
«Sono molto felice di essere riuscita a portare a termine la miniserie Francesco grazie a una regista del calibro di Liliana Cavani, grazie alla quale tutto è diventato di altissimo livello, ma gli ostacoli non sono mancati, così come continuo ad incontrarli con un progetto chiuso come Gioco d'Azzardo, che mi era stato chiesto e approvato di ridurre da 4 a due puntate ed è stato fatto, ma non sappiamo quando e in quale anno a questo punto entrerà in piano di produzione. Mentre la Lista di Bergoglio, di cui ho acquisito i diritti, probabilmente lo faremo in un'altra vita, per il momento ci leggiamo il libro».

TRA I PROGETTI UNA FICTION SU GIORGIO GABER
La produttrice Claudia Mori è stanca. La sua casa di produzione ha fornito alla Rai «importanti prodotti di qualità non è mai stato facile per me vedere realizzate le fiction che propongo, spesso trattano temi di dura realtà» ha detto. «Ho sempre dovuto lottare per vederle realizzate. Ma alla fine ogni mio progetto da C'era una volta la città dei Matti, a Rino Gaetano, a de Gasperi, alla collana sulla violenza alle donne è andato bene».
Tra gli altri progetti che Claudia Mori ha in serbo per Rai Uno, che può comunque decidere di fare scelte editoriali diverse da quelle proposte dalla moglie di Celentano (, c'è una nuova fiction su Giorgio Gaber (che sembra non convincere troppo, al momento) e altre produzioni da sbloccare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso