Opinioni 28 Novembre Nov 2014 1246 28 novembre 2014

Ferguson, Pharrell: «Brown? Teppista»

Il cantante: «Se un agente ti dice 'Fermati', per di più dopo che hai aggredito un uomo, allora sei in cerca di guai».

  • ...
A Very GRAMMY Christmas

Il cantante Pharrell Williams.

Frederick M. Brown - 2014 Getty Images

«Perché non si parla dell'atteggiamento da teppista di Michael Brown?». A dirlo è stato un'insospettabile Pharrell Williams. La voce del tormentone Happy, durante un'intervista sulla rivista statunitense Ebony, ha usato proprio il termine «bullysh» riferendosi al 18enne ucciso il 9 agosto 2014 a Ferguson in Missouri dopo essere stata ripetutamente colpito dai proiettili sparati dal poliziotto Darren Wilson. Brown non era armato, ma era sospettato di un furto commesso pochi minuti prima.
«ERA IN CERCA DI GUAI»
Non che la questione non fosse stata sollevata prima. Quello che stupisce è che a farlo è stato un afroamericano che dagli altri afroamericani è considerato un'icona.  «Non parlo spesso di questioni razziali, ma sono contrariato per quello che è successo a Ferguson», ha detto. «L'atteggiamento del ragazzo era quello di un teppista e a me crea fastidio. Non che ce l'abbia con lui, ma dovremmo riflettere su tutto ciò che è accaduto nella sua vita tanto da fargli pensare che comportarsi così fosse giusto, perché non parliamo di questo?», ha spiegato riferendosi al video in cui si vedeva Brown rubare dei sigari. Secondo Pharrell però la reazione dell'agente è stata eccessiva e per questo dovrebbe pagare. «Ma se un agente ti dice di fermarti, per di più dopo che hai aggredito un negoziante allora sei in cerca di guai», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso