Storie 11 Agosto Ago 2014 1100 11 agosto 2014

Lila contro tutti

Da cameriera a manager di Wikimedia. Così Tretikov prepara la svolta femminista.

  • ...
lila tretikov 01

Lila Tretikov si è schierata contro il diritto all'oblio sul web.

Nella classifica 2014 delle donne più potenti del mondo, stilata da Forbes, è solo al 99simo posto. ma c’è da giurare che guadagnerà rapidamente posizioni. Perché Lila Tretikov, informatica russa naturalizzata statunitense, dal primo giugno 2014 è direttrice esecutiva di Wikimedia Foundation a San Francisco, l’organizzazione no profit che gestisce Wikipedia e supporta i suoi volontari. E si è scagliata contro il diritto all'oblio, la norma che consente ai cittadini europei di cancellare le proprie tracce dal Web. La ragione? Per Tretikov internet è crivellato di buchi di memoria e la Corte europea ha abbandonato la responsabilità di proteggere il diritto di cercare, ricevere e diffondere informazioni.

LE CRITICHE PER IL NO AL DIRITTO ALL'OBLIO SUL WEB
Queste mdichiarazioni le hanno attirato critiche da tutte le parti. La Tretikov non si è scomposta perché è abituata e a farsi largo e combattere per raggiungere i suoi obiettivi: non troppo tempo fa lavorava come cameriera.
Nata a Mosca nel gennaio 1978, era una bambina ai tempi della Glasnost, la trasparenza sovietica. Una svolta nella politica di Michail Gorbaciov che le permise di trasferirsi da Mosca a New York da sola, lavorare come cameriera per imparare l’inglese e pagarsi l’ultimo anno di liceo.

DA CAMERIERA  NEW YORK E AMANAGER
Dopo quell’anno passato a servire ai tavoli, nei successivi 18 anni - oggi ne ha 36 - li ha passati a studiare informatica e lavorando a progetti open source, prima all’università californiana di Berkley, dove si è laureata in informatica, poi in diversi progetti di ricerca.
Finché a maggio 2014 ha battuto la concorrenza di 1300 candidati e ha assunto la guida di Wikipedia, l’enciclopedia online che è anche il quinto sito più grande al mondo, il sesto più visitato al mondo dopo Google, Facebook, Youtube, Yahoo! e Baidu. I suoi studi accademici sull’apprendimento delle macchine le fecero guadagnare un lavoro alla Sun Microsystems nel 1999. L’anno dopo ha fondato la sua società di tecnologia e marketing, GrokDigital. E quando ha messo piede nella Silicon Valley, lavorando per SugarCRM, ha iniziato a interessarsi di open source.

Wikipedia si avvale di 80 mila editor regolari.

LE CRITICHE ANCHE DENTRO WIKIPEDIA
La sua ascesa non è stata esente da critiche, rivolte alla Tretikov soprattutto da parte dei volontari di lungo corso di Wikipedia, delusi dalla scelta di affidare il progetto a una giovane donna che prima della nomina aveva apportato una sola modifica.
Altri si sono lamentati del fatto che il suo fidanzato, Wil Sinclair, di professione sviluppatore, si sia unito a un sito che mette al vaglio Wikipedia e i suoi editor, definendolo «il suo più uno non invitato». Accuse da cui lei si è difesa spiegando che prende le sue decisioni usando il giudizio professionale: «Non consulto Wil sugli affari di Wikipedia, non gli chiedo di far nulla al posto mio e tantomeno controllo il suo coinvolgimento nella comunità. Siamo sempre stati estremamente indipendenti», ha precisato.

SOLO IL 15% DEGLI EDITOR DELL'ENCICOLPEDIA ONLINE È DONNA
Parole che non hanno fermato le critiche. Una dilettante, la etichettano, ma la Tretikov, già alle prese con le difficoltà di farsi strada in un mondo difficile come quello della Silicon Valley, ha le spalle larghe e non ha alcuna intenzione di farsi scoraggiare. E dire che deve vedersela innanzitutto con la comunità dell’enciclopedia online, dominata da maschi, bianchi, occidentali.
Le donne sono infatti solo il 15% degli 80 mila editor regolari e tra i volontari sono ulteriormente sotto rappresentate. Tanto che un gruppo ha parlato di una «cospirazione femminista»: la sfida più grande per la Tretikov sarà proprio conquistare la sua comunità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso