FOCUS 4 Settembre Set 2012 1025 04 settembre 2012

Quebec: donna al potere. Spari durante il comizio

La vittoria di Pauline Marois mette in ribalta la formazione che rivendica l'indipendenza della provincia francofona dal Canada.

  • ...
Pauline Marois

Pauline Marois durante il comizio a Montreal interrotto dagli spari.

La notizia di oggi sarebbe dovuta suonare ‘Prima donna nella storia alla guida del Quebec’, ma a rubare la scena è stata una sparatoria, che ha provocato un morto e un ferito durante il primo comizio della neo eletta Pauline Marois. Nel locale di Montreal dove la leader dei separatisti stava celebrando la vittoria delle elezioni legislative di ieri (4 settembre) insieme con centinaia di sostenitori, un uomo di una cinquantina d'anni ha aperto il fuoco. Rimasta illesa, la Marois è stata precipitosamente portata fuori dalle sue guardie del corpo, per poi tornare sul palco poco dopo per invitare i sostenitori alla calma e a lasciare in modo ordinato la sala.
SPARI ALL’URLO DI ‘GLI INGLESI SI STANNO SVEGLIANDO’
L’uomo, che aveva anche tentato di incendiare la sala da concerti Metropolis che ospitava il comizio, è stato arrestato dalla polizia, la quale ha comunicato la cattura sul proprio account di Twitter. Non sono state rese ancora note le motivazioni che hanno spinto il cinquantenne a sparare, anche se, secondo la televisione canadese, avrebbe gridato "gli inglesi si stanno risvegliando", mentre veniva fatto salire sull'auto della polizia. Intanto nel centro della città c’è ancora grande tensione, dopo che è stata udita una forte esplosione nei pressi della sala da concerti, e dopo che sono state diffuse le immagini di un incendio scoppiato e, fortunatamente domato, nelle vicinanze.
UNA VITTORIA PER LE DONNE CANADESI E LA SVOLTA POLITICA
Il brutto incidente ha quindi oscurato il successo della Marois, 63 anni, che rappresenta un’importante conquista per tutte le canadesi perché, per la prima volta nella storia, una donna è chiamata a guidare la provincia del Quebec. Ma c’è un altro fatto che rende questo risultato elettorale memorabile:  il Pq (Parti Quebecois) ha sconfitto il premier uscente Jean Charest, dopo nove anni di governo dei liberali. Sale così alla ribalta una formazione che rivendica l'indipendenza della provincia francofona dal Canada. La Marois formerà però un governo di minoranza, avendo conquistato solo 56 dei 125 seggi del Parlamento del Quebec: un risultato che frustra in partenza l'idea di convocare un nuovo referendum per la secessione. «Questa notte abbiamo aperto un nuovo capitolo della nostra storia e spero che questa sarà l’opportunità per trovare il nostro orgoglio di popolo. Vogliamo prendere le decisioni importanti, vogliamo una nazione e l'avremo»,  aveva detto la Marois poco prima degli spari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso