ADDIO 7 Agosto Ago 2012 1738 07 agosto 2012

Anna, chapeau

Scompare Anna Piaggi. Giornalista e icona internazionale, fu la prima fashion editor italiana. Aveva 81 anni.

  • ...
anna_piaggi_cover2

La giornalista di moda Anna Piaggi.

DANIEL DAL ZENNARO

Piccola grande Anna Piaggi. La celebre giornalista e scrittrice di moda è scomparsa a Milano, all'età di 81 anni. Era una delle voci più influenti del fashion system. Testimone e protagonista della evoluzione di un settore in grado di fatturare, stando ai dati appena pubblicati, migliaia di miliardi di euro, la Piaggi ha creato la figura del redattore di moda.
LA PRIMA REDATTRICE DI MODA
Nata a Milano nel 1931, è stata prima traduttrice e poi, a paritre dagli Anni '60, giornalista di moda per la casa editrice Mondadori, dove diventa fashion editor di Arianna, l'apripista dei femminili del nostro Paese. Il suo stile è moderno e irriverente, mai visto prima. Ma che da allora, grazie anche alla collaborazione del marito, il celebre fotografo Alfa Castaldi e alla collega Anna Riva, diventerà imprescindibile nella storia del giornalismo di moda italiano.
INTRAMONTABILI "DOPPIE PAGINE"
Il suo sodalizio con Condè Nast inizia negli Anni '70, dove lavora per Vogue, prima, e per Vanity Fair, poi, curandone il progetto dall'81 all'84. Risalgono al 1988 le sue famose "P.D Pagine doppie" su Vogue. Una visione personalissima della moda, suo marchio di fabbrica da oltre 20 anni. Tanto da guadagnarsi nel 2006 una mostra all'Albert & Victoria Museum di Londra dal titolo Anna Piaggi Fashion-ology.
Ha collaborato anche con L'Espresso e con Panorama.
KARL E LA CONSACRAZIONE
La sua consacrazione sulla scena internazionale, però, arriva nel 1986, quando viene dato alle stampe Anna Chronique, il libro opera dello stilista Karl Lagerfeld a lei dedicato.
Celebre per il suo stile, eccentrico e colorato, la Piaggi sapeva dosare in maniera superba, classe, ironia e una enciclopedica conoscenza del mondo della moda. Che ci mancherà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso