MODA & MUSICA 23 Luglio Lug 2012 1156 23 luglio 2012

Il lato mod di John Varvatos

Due leggende della musica per la nuova campagna autunno/inverno dello stilista americano.

  • ...
17-john-varvatos

La nuova pubblicità di John Varvatos con Paul Weller e Miles Kane.

John Varvatos continua il suo idillio tra moda e musica, scegliendo i volti della sua pubblicità tra il repertorio mod. Paul Weller, musicista noto come Godfather of Mod e il suo probabile erede Miles Kane, sono i nuovi testimonial della campagna autunno-inverno 2012/13 di John Varvatos. Il setting del servizio fotografico di Danny Clinch è Manhattan. Sullo sfondo della vetrina di un banco dei pegni, due uomini elegantemente vestiti creano un contrasto con lo scenario realistico di Downtown. Lo stile fotografico, tipico dei ritratti dei grandi musicisti, evoca la scena musicale degli Anni '60. Dalle prime esperienze con la punk band inglese The Jam attraverso la collaborazione Anni '80 con Mick Talbot per gli Style Council, fino all'esperienza da solista, la carriera di Paul Weller è davvero lunga e varia. Miles Kane è un elegante quanto intrepido rocker di 26 anni che ha esordito nel 2011 con l'acclamato album da solista Colour of the Trap, tra i debut album più venduti nel regno unito. Miles si è letteralmente innamorato dello stile spavaldo degli abiti di John Varvatos. Stephen Niedzweicki, fondatore e direttore creativo di Yard e collaboratore di lunga data di Varvatos, spiega che «gli scatti si ispirano alle foto di Paul del primo periodo post-Mod e a quelle della scena musicale inglese dell'epoca. Affiancando un veterano a un esordiente della musica siamo riusciti a gettare lo sguardo contemporaneamente verso il futuro e il passato, in un'unità d'insieme nuova e dinamica». Oltre alle foto, è anche stato girato un video la cui realizzazione è ispirata a film musicali quali A Hard Day's Night dei Beatles del '64. Il pezzo che fa da colonna sonora al video e' The Dangerous Age tratto dall'album Sonik Kicks di Paul Weller.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso