FOTOMONTAGGI 17 Luglio Lug 2012 1233 17 luglio 2012

Questa cover non è «reale»

Marie Claire Sudafrica mette la duchessa in copertina. Ma si tratta di un clamoroso falso.

  • ...
Kate Middleton Elle

È il sogno proibito di ogni direttrice di rivista di moda. La più richiesta sulla copertina e, ovviamente, la più irragiungibile. Eppure qualcuno è riuscito a sbattere Kate Middleton su una cover: l'edizione Sudafricana di Marie Claire per l'esattezza. O almeno così sembra.
In realtà non si tratta d'altro che di una cosiddetta Frankenstein Cover, una foto di copertina montata ad arte: la testa della duchessina sul corpo di una modella.
Il risultato (grafico) è accettabile, ma è evidente che si tratti di falso.
Noi sappiamo bene che la principesca Kate non si metterebbe mai in posa con una mano sul fianco, come una modella qualunque.
Oltre alla nobile testa i maghi del ritocco hanno attaccato al corpo della modella anche le mani della Middleton. Il resto lo fa il titolo che è abbinato all'immagine: «un'icona regale indossa il meglio dei designer sudafricani».
«Siamo stati così ispirati dal suo matrimonio da favola e dalla sua vita da principessa moderna che non potevamo non scegliere lei per la nostra cover di agosto», si difende l'editor della rivista Aspasia Karras. «In fondo la copertina è un'illustrazione iper-reale di Kate, una sorta di tributo artistico alla nuova icona dello stile».  Tranquilli però, nulla di nuovo o originale.
La bella Kate è già stata vittima di un photoshop estremo: subito dopo il suo matrimonio, quando Grazia Uk ha tagliato Williams dalla foto di coppia e ha snellito sua moglie di due taglie, per metterla in copertina.
Da Kate nessun commento sull'operazione Frankenstein, mentre a camminare a 10 metri da terra è Clive Rundle, lo stilista emergente sudafricano che ha disegnato l'abito da lei indossato. Peraltro un vestito che la sobria duchessa non avrebbe mai portato. Per questo il sottotitolo: «Certo che non lo indossa davvero, ma dovrebbe».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso