Giudici X Factor

X Factor

15 Dicembre Dic 2017 1151 15 dicembre 2017

Perché i Maneskin non hanno vinto X Factor 2017

La band capitanata da Damiano era considerata la vincitrice annunciata e, invece, il contratto con la Sony se l'è preso Lorenzo Licitra. E non è un caso.

  • ...
Maneskin Vincitore X Factor 2017

Si sa cosa succede con i vincitori annunciati: spesso deludono le aspettative. Basta andare indietro di qualche mese (quasi un anno): febbraio 2017, Festival di Sanremo. Nemmeno il tempo di iniziare e già giornali e tv davano la vittoria certa di Fiorella Mannoia che con Che sia benedetta, aveva stregato pubblico e giuria. Peccato che poi il primo posto sia andato a Francesco Gabbani e alla sua 'scimmia nuda'. Una scelta che, con il senno di poi, non è stata propria sbagliatissima visto che Occidentali's Karma ci ha 'perseguitato' a lungo. Il problema, se così lo possiamo chiamnare. è che poi il successo si è ripetuto per tutto il 2017. Carlo Conti, la giuria e il pubblico, insomma, ci avevano visto lungo. Facciamo un salto temporale e torniamo al 14 dicembre 2017, finale di X Factor 11. Sul palco ci sono tre cantanti e una band che si contendono un allettante contratto discografico con la Sony. Samuel Storm, Lorenzo Licitra, Enrico Nigiotti e i Maneskin. Proprio questi ultimi erano considerati i super favoriti alla vittoria finale e, invece, il pubblico ha scelto il tenore siciliano. Sui social i fan erano disperati e qualcuno addirittura ha gridato al complotto. Invece, la sconfitta della band romana non è un caso. Proviamo a capire perché.

IL FATTORE 'FORUM'

Suonare al Forum di Assago (o Mediolanum Forum) è un sogno per ogni cantante e ogni gruppo. È uno dei 'palazzetti' di riferimento per i big della musica italiana ma anche internazionale. Trovarsi quindi, quasi da un giorno all'altro, su un un palco del genere, a volte, può fare brutti scherzi, specialmente se chi suona ha poca esperienza. Durante tutti i live, i Maneskin ci hanno abituato a esibizioni eccezionali e di puntata in puntata sono cresciuti sempre di più. Ma salire su palchi importanti come quello del forum di può portare all'errore. Anzi, a più errori. Il più comune è stare immobili sul palco e questo l'ha un po' scontato Thomas, alias 'Er Cobra', il chitarrista, sopratutto nel 'best of' (seconda manche) e nell'inedito (ultima manche). Non che sia mai stato il protagonista assoluto (anche perché oscurare Damiano è una missione impossibile) ma nella finale si è avvertito di più. In compenso, a livello di esecuzione, ha fatto la sua migliore esibizione. Il secondo errore è non saper gestire la tesione, l'emozione e gli imprevisti. Il palco è gigante e suoni davanti a decine di migliaia di persone: perdere la bussola è un attimo. E, forse, questo è il caso di Damiano, specialmente nella seconda e nella terza manche.

UNA DELLE PEGGIORI ESIBIZIONI

Al di là dei nostri preferiti, bisogna cercare anche di essere obiettivi e valutare le varie performance della serata. La voce di Damiano è stata un'incognita. Dopo aver 'spaccato tutto' (come si dice in gergo) durante il duetto con James Arthur (sono stati i migliori insieme a Licitra), nel 'best of' si è inceppato qualcosa. Il primo pezzo, Beggin', è stato quasi perfetto. Il secondo, Take Me Out, un po' meno. Il cantante non è riuscito a lasciare la sua impronta e ha avuto qualche difficoltà anche con Somebody Told Me, performance ampiamente al di sotto rispetto a quella dei live. È stato un problema vocale? Troppa tensione? 'Incazzatura' dovuta al fatto che un'ala non si è sganciata subito tra una canzone e l'altra (era vestito da angelo nero)? Chi lo sa. Credevo addirittura che li facessero fuori già alla fine della seconda manche, invece, ahimè, è stato eliminato Enrico Nigiotti.

QUANDO L'INEDITO NON AIUTA

Un grosso problema è stato anche l'inedito: Chosen. Ok, è disco d'oro ma dal vivo non ha questo grandissimo appeal. Non mi aveva convinto alle audition e non mi ha convinto nemmeno ai live. Un po' troppo moscio per una band grintosa come i Maneskin. La cosa paradossale è che anche Lorenzo Licitra ha portato un pezzo non proprio fortissimo: In The Name of Love, scritto da Fortunato Zampaglione. Quindi la vera sfida finale si è giocata non sul brano ma sull'intensità dell'esibizione. E, senza alcun dubbio, il migliore è stato il cantante siciliano che in tutta la serata non ha mai sbagliato un colpo.

LA DAMIANO-MANIA

Un altro fattore da considerare sono le fan (ma anche i fan) di Damiano. Twitter è stato letteralmente invaso da 'gif' e apprezzamenti (tanto per usare un eufemismo) per il cantante nato nel 1999. Magari, sui social, sembra che si tratti di una mole di pubblico gigantesco. Invece si commette un errore. Primo: non tutti quelli che stavano guardando la finale di X Factor erano contemporaneamente su Twitter: c'è gente che quando guarda la tv si rilassa e basta, lasciando lo smarphone, il tablet o il pc spenti. Magari non sono proprio i più giovani ma esistono e, soprattutto, votano. Secondo: i Maneskin hanno un pubblico, indicativamente di under 35 (tanto per stare larghi), ma il talent se lo guardano anche le mamme, i papà, le nonne, i nonni, gli zii e company di quei ragazzi. E tra una band piuttosto trasgressiva e un bravo ragazzo come sembra Lorenzo Licitra, secondo voi, chi potranno mai scegliere?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso