28 Febbraio Feb 2018 1641 28 febbraio 2018

Non una di meno contro il maschilismo di Maria Francavilla di Forza Italia

«Noi donne provochiamo la violenza degli uomini». Le assurde dichiarazioni della candidata a Taranto hanno indignato le femministe: «Narrazione tossica».

  • ...
Maria Francavilla Forza Italia

«Credo io sia stata una delle poche ad avere il coraggio di dire che noi donne a volte provochiamo la violenza negli uomini e quindi è un tema da affrontare veramente con serietà». Difficile credere che un'affermazione del genere sia stata rilasciata non solo da una donna, ma da una donna candidata al Senato, in quota Forza Italia, per il centrodestra nel collegio uninominale Puglia 7. Maria Francavilla, moglie del presidente della Provincia di Taranto, ha parlato di violenza colpevolizzando il genere femminile all'emittente televisiva Studio 100 scatenando, chiaramente, un putiferio e provocando la reazione indignata di associazioni femministe come Non una di meno.

Riprendiamo e rigettiamo con forza le parole della candidata al Senato Maria Francavilla della coalizione di...

Geplaatst door Non Una Di Meno Taranto op dinsdag 27 februari 2018

IL TENTATIVO DI GIUSTIFICARSI

La frase incriminata è stata pronunciata a margine di un dibattito scaturito dalla presentazione del libro 50 Sfumature di Violenza. Femminicidio e maschicidio in Italia di Barbara Benedettelli.
A prendere posizione contro la candidata di Forza Italia è stato anche il consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle, Massimo Battista, che in un post su Facebook si è scusato «con tutte le donne per le affermazioni rilasciate da un candidato al Senato della Repubblica». E sempre attraverso il social network la stessa Francavilla ha tentato di dare una giustificazione alle sue parole: «È stato ripreso il mio intervento mentre citavo le parole della Benedettelli come può confermare chi ha visto l'intervento integrale. La mia storia», aggiunge, «racconta di una donna, madre e moglie che ha fatto il suo percorso, da oltre 30 anni lavoro nella pubblica amministrazione senza aver rinunciato alla famiglia e all'essere donna. Dispiace che una parte di sinistra radical chic faccia polemiche così false e che non hanno attinenza alla realtà». Parole che cercano di metterci una pezza senza però riuscirci.

Chi mi conosce e chi mi sta conoscendo in questa campagna elettorale non avrà alcuna difficoltà a comprendere che tali...

Geplaatst door Maria Francavilla op dinsdag 27 februari 2018

UNA NARRAZIONE TOSSICA

Non è rimasto in silenzio il gruppo Non una di meno Taranto, secondo il quale «la gravità delle sue affermazioni e la narrazione tossica che ne deriva rappresentano il terreno fertile per una cultura maschilista e machista che giustifica in qualche modo la violenza nei confronti delle donne, mettendo le vittime sotto giudizio. Non ci sono minigonne, atteggiamenti, sguardi o parole che giustifichino la violenza. Solo su una cosa possiamo dare ragione alla candidata: la violenza di genere è un tema da affrontare con serietà. Quindi è meglio che lei non metta più bocca a riguardo. L'8 marzo», conclude Non una di meno , «invaderemo le strade di Taranto con i nostri corpi anche per ribadire che peggio della violenza in sé c'è solo la giustificazione della violenza stessa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso