Elezioni 2018

Elezioni 2018

30 Gennaio Gen 2018 1433 30 gennaio 2018

Elezioni 2018, le donne candidate per Liberi e Uguali

Anche la squadra di Pietro Grasso è completa, tra nomi forti, conferme e qualche novità.

  • ...
Elezioni 2018 Candidate Donne Liberi Uguali

Liberi e uguali, anzi: libere e uguali, al di là delle polemiche sulle foglioline. La forza politica di sinistra guidata da Pietro Grasso rompe gli indugi e presenta i nomi che alle urne cercheranno di conquistare un posto in Parlamento alle elezioni politiche 2018. Sfida complessa, ma non impossibile, e in cui anche le candidate donne giocheranno un ruolo importante.

I NOMI FORTI

Non poteva non scendere in campo Laura Boldrini, candidata alla Camera dei Deputati in Lombrdia, sia nel collegio uninominale (Milano 1), sia in quattro proporzionali (tutti quelli di Lombardia 1), dove il suo più accanito avversario Matteo Salvini è di casa. Dopo aver coordinato la campagna elettorale, la ex presidente di Legambiente Rossella Muroni è stata invece candidata, sempre alla Camera, nel collegio uninominale di Foligno, in Umbria, e in quattro plurinominali, in Toscana, Umbria e Puglia. Nel collegio uninominale di Massa Carrara, invece, è stata candidata quella che viene definita come una «bersaniana di ferro», Chiara Geloni. Per lei, però, niente plurinominale. O, meglio, niente 'paracadute', come dicono gli esperti.

LE CONFERME

Dopo i nomi forti, ci sono le conferme, ovvero quelle donne che hanno terminato la legislatura e che sono pronte a continuare il proprio lavoro parlamentare come Maria Cecilia Guerra, già viceministro del Lavoro e delle politiche sociali con delega alle pari oppurtunità, candidata alla Camera nel collegio uninominale di Modena (se la vedrà con la ministra della Salute Beatrice Lorenzin) e nei quattro plurinominale dell'Emilia-Romagna. Per Loredana De Petris, capogruppo del Gruppo misto al Senato, invece, si tratterebbe della quarta legislatura consecutiva. Si candida al Senato nel collegio uninominale di Roma - Quartiere Collatino e nei plurinominali del Lazio, più Campania 2.

LA NOVITÀ

C'è anche qualche volto nuovo, che non viene direttamente dalla politica istituzionale. Come, ad esempio, Anna Falcone, definita 'la pasionaria del No', in occasione del referendum Costituzionale del 4 dicembre 2016, ma anche 'l'anti-Boschi'. Ci aveva provato anche nel 2013 con Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia, esperimento politico che non ebbe un gran successo (e nemmeno un gran seguito). Ora si è schierata con Grasso e si candida alla Camera nei collegi plurinominali Lazio 1 - 01, Lombardia 2 - 02, Friuli Venezia Giulia e Veneto 2 - 01.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso