29 Gennaio Gen 2018 1200 29 gennaio 2018

Grammy 2018, i look dal red carpet

Abiti da sogno, spacchi eccessivi e accessori originali. Da Lady Gaga a Miley Cyrus: promosse e bocciate in fatto di outfit.

  • ...
Look Grammy's 2018

Serata particolarissima quella dei Grammy 2018 tra polemiche prima della cerimonia - pare infatti che Lorde sia stata esclusa dalla time up delle esibizioni nonostante fosse in lizza per «l’album dell’anno» - e celebrazioni mancate (per Jay Z, che nonostante le otto nomination non ha conquistato nemmeno un premio). E se Beyoncé e Rihanna hanno dato forfait sul tappeto rosso (le due hanno poi presenziato allo ahow), gli altri famosi si sono sfidati a colpi di look mettendo in scena uno spettacolo con gli abiti più scenografici della stagione. Come sempre c’è chi è riuscito meglio nel suo intento, interpretando i nuovi trend senza scivoloni, e chi invece ha voluto strafare e per questo si aggiudica una stella di demerito. Ecco il meglio e il peggio dei look indossati dalle star sul red carpet dei Grammy Awards 2018.

DRAMA QUEEN

Top: con una creazione su misura dallo stilista libanese Nicolas Jebran in velluto nero corredato dal copricapo a tesa larga, i maxi orecchini pendenti e la clutch a forma di pantera è Beyoncé la regina indiscussa della serata. Il suo stile è scenografico, elaboratissimo e contemporaneo grazie al tocco di Marni Senofonte, stylist e collaboratrice di lungo corso della pop star.

Flop: sotto una tuta in pizzo semitrasparente, sopra una gonna dallo strascico lungo cinque metri. La creazione firmata Armani Privé e indossata da Lady Gaga non convince. Avrebbe acquisito punti se sdrammatizzata in qualche modo, ma le lunghe extension tra i capelli e gli orecchini con brillanti scuri aggiungono un’allure antica all’outfit di Miss Germanotta.

SPACCO MOZZAFIATO

Top: Hailee Steinfield fa la scelta giusta. Il bianco toglie volgarità al vestito con ampio spacco sul davanti e gli stivali in vernice Ultra Violet (il colore scelto dall’azienda Pantone del 2018) sono un abbinamento singolare ma azzeccato. L’outfit è tutto del francese Alexandre Vauthier.

Flop: rouches, inserti metal, scollatura monospalla e un’apertura laterale che non lascia spazio all’immaginazione. Rita Ora in Ralph&Russo esagera aggiungendo troppi gioielli e rossetto bordeaux.

MONOCOLORE

Top: il fidanzato di Gigi Hadid ed ex One Direction Zayn Malik porta il suo stile britannico, eclettico e sartoriale, sul tappeto rosso newyorkese. Il completo super slim in lana rosa portato insieme ai mocassini e alle calze multicolor è di Cerruti 1881.

Flop: il verde brillante non è certo tra le tonalità più semplici da indossare. Inoltre il completo doppiopetto (sempre di Cerruti 1881) del londinese Sam Smith non vince nel fitting, soprattutto i pantaloni troppo larghi e corti.

PRINCIPESSA DISNEY

Top: candidata anche al titolo di miglior artista esordiente, SZA (all’anagrafe Solána Imani Rowe) è una moderna Frozen in Atelier Versace. L’abito è decorato da infiniti strati di tulle color ghiaccio e ricami di perline argento.

Flop: sarà che siamo abituati a vederla sempre strafare, sarà che il vestito da debuttante con copri spalle in chiffon non è certo la scelta più adatta per una serata dedicata alla musica contemporanea ma il look di Miley Cyrus (disegnato dall’americano Zac Posen) risulta fuori luogo. Giusti solo il make up naturale e i capelli pettinati in morbide onde Anni '40.

TENDENZA FAR WEST

Top: il trend western con i suoi motivi a stelle e strisce, gli stivali camperos e i gioielli dal sapore vintage nasce dalle sfilate primavera estate 2018 e presto contagerà tutti i negozi. Lana del Rey lo fa subito suo attraverso una creazione Gucci ispirata al film del 1941 Ziegfield Girl.

Flop: la californiana Kesha in completo giacca e pantaloni non adatti a un’occasione così formale risulta sottotono e passa quasi inosservata al photocall iniziale. Da copiare però i suoi stivaletti da cowboy tempestati di glitter argentati e perfetti se indossati insieme a un paio di jeans.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso