Sfilata Atsushi Nakashima

Fashion Week

20 Settembre Set 2017 0930 20 settembre 2017

Milano Fashion Week: guida agli eventi tra arte, film e gourmet

La settimana della moda sbarca tra le vie del Duomo. Ma le sfilate della collezione primavera-estate 2018 non sono le sole protagoniste. Tra mostre en plein air e creazioni ai fornelli, gli happening da non perdersi.

  • ...
Milano Fashion Week, gli eventi oltre la moda

Tocca a noi. A Milano. Dopo New York e Londra e prima di Parigi. La settimana della moda arriva tra le vie del Duomo e la città si prepara tra gli allestimenti delle location e le infinite file delle modelle che aspettano di entrare ai casting fuori dagli atelier delle griffe più famose. Dal 20 al 25 settembre, infatti, i brand del Made in Italy e quelli stranieri presentano le collezioni per la primavera-estate 2018, ma come sempre le sfilate della Fashion Week (e i suoi esclusivi party) sono riservati ai giornalisti, ai buyer e ai fashion blogger, che ormai si moltiplicano di anno in anno, conquistando il tanto ambito front row. Milano, però, si anima di molti eventi collaterali e aperti a tutto il pubblico, per cercare di avvicinare sempre di più le persone al fashion system.

MEGASCHERMI E STREAMING

A tentare di rendere le passerelle più democratiche ci pensa la Camera della Moda Italiana, mandando in streaming alcune delle sfilate più importanti direttamente dal suo sito internet. Da Gucci ad Alberta Ferretti, passando per Fendi e Prada, fino al ritorno del defilé di Krizia, potete guardare le novità per l'estate 2018 comodamente sul divano di casa vostra, naturalmente abbigliate di tutto punto, proprio come se foste sedute tra Chiara Ferragni e Anna Wintour di Vogue America. Alcuni marchi, come ad esempio Dolce&Gabbana, trasmettono invece direttamente dal proprio sito web. Non solo: l'alternativa è godersele su fantastici maxischermi collocati nei punti nevralgici della città. Il più spettacolare? Sicuramente in piazza Gae Aulenti, immersi nel futuro di Milano.

I NUOVI TALENTI

A meno che non conosciate qualcuno che per qualche ragione ci lavora attorno, assistere a un fashion show è davvero impossibile. Sempre che non abbiate la faccia tosta di presentarvi all'ingresso con un look eccentrico, sperando poi nella bontà della security come spesso capita. Altrimenti, per assaporare la moda potete farvi un giro a Palazzo Morando. Dal 21 al 23 settembre, infatti, è possibile vedere Who Is On Next? And Vogue Talents, dove trovate esposte le ultime collezioni dei giovani talenti italiani e internazionali. Un modo per capire cosa ci riserva il futuro del fashion e per rubare qua e là qualche idea alle nuove leve del glamour. Per i più appassionati c'è persino l'opportunità di incontrare i designer e scambiare quattro chiacchiere sui loro lavori. Sulla stessa linea, ecco il Fashion Hub Market, una sorta di piccola fiera in cui gli emergenti si presentano ai buyer ma che è accessibile anche al pubblico. Merita un tour, se non altro per assaporare il design nordico dell'Unicredit Pavillon in cui si tiene l'esposizione.

MOSTRE A CIELO APERTO

I magazine sono il cuore pulsante di Milano Moda Donna, non solo perché i loro giornalisti e redattori vengono sguinzagliati in giro a recensire le nuove collezioni, ma anche perché sono gli artefici di interessanti iniziative che li vedono coinvolti in primo piano. Elle 30 anni, per esempio, è l'esposizione en plain air che celebra l'anniversario della storica rivista: per l'occasione, via dei Fiori Chiari, nel pittoresco quartiere di Brera, è letteralmente invasa da originali installazioni che riportano le fotografie più significative pubblicate dal giornale dalla sua fondazione ad oggi. Tra le vetrine di via Montenapoleone, la strada più trafficata del quadrilatero della moda milanese, ci sono invece le immagini di #LIKES, la mostra open air curata da Marie Claire.

ARTE E MODA

Lasciatevi poi trasportare dall'arte che incontra il mirabolante mondo dei costumi teatrali in I Manichini di de Chirico. Costumi di scena dell'Archivio Cerratelli, dal 19 settembre fino al 6 ottobre all'Università Cattolica in via Nirone, dove sono esposti gli abiti disegnati per l'opera I Puritani di Vincenzo Bellini, nel 1933, da Giorgio De Chirico. Nella loro semplicità araldica all'epoca non furono compresi da pubblico e critica; oggi, invece, ai nostri occhi risultano quali opere interessantissime da poter osservare da vicino. Ma chi l'ha detto che la moda è solo scarpe e vestiti? Anche i profumi fanno parte del glamour e la storia italiana ce lo insegna, ora anche con la mostra Trilogia del Profumo - Emozioni Olfattive dal Novecento, alla Casa Museo Boschi Di Stefano, dove in un ambiente raffinato si ripercorre la storia delle fragranze del Bel Paese, partendo dalla pioniera Rosa Genoni fino ad arrivare a Giuseppe Visconti di Modrone e tutte le loro preziose boccette. Per chi è di passaggio a Milano, infine, un giro alla Rinascente è praticamente d'obbligo, ma fino al 24 settembre a Palazzo Reale è possibile anche conoscerne la storia tra grafiche, oggetti e opere d'arte che hanno determinato il costume e lo stile milanese in LR100. Rinascente. Stories of innovation.

STILISTI AI FORNELLI

La mode prende anche la gola e tra le iniziative fruibili da tutti c'è il sodalizio tra cinque designer del momento e lo chef Marco Ambrosino del bistrot 28 Posti. Per cinque serate (dal 5 al 25 settembre) è possibile dunque degustare altrettanti piatti speciali pensati da Ambrosino assieme all'estro creativo degli stilisti che, oltre a scegliere tra una rosa di ingredienti, hanno contribuito all'estetica dell'impiattamento, mettendo di fatto la propria firma su ogni creazione gourmet. Arthur Arbesser, Vivetta, Paula Cademartori, Massimo Alba e Miahatami compiono dunque un viaggio tra i sensi e si immergono tra i sapori italiani, portando ognuno un pizzico di sé. I loro piatti saranno i primi a essere serviti nel menù che prosegue poi con le pietanze tradizionali del 28 Posti di via Corsico. Ovviamente vi conviene prenotare.

FASHION FILM FESTIVAL

Capitolo a parte, infine, va dedicato al Fashion Film Festival Milano, la manifestazione dedicata alle pellicole, ai documentari e ai cortometraggi che trattano il tema della moda o che per il loro spiccato senso estetico si inseriscono perfettamente del mondo del glam. Dal 23 al 25 settembre, al rinnovato Anteo Palazzo del Cinema è possibile seguire le proiezioni di un programma fittissimo su più sale che parte dalle 11 fino a tarda sera. Ci sono poi alcuni focus sui nomi emergenti e sulle donne, con tavole rotonde e screening dedicate proprio al lato femminile del cinema di moda. Tra i titoli per i quali vale la pena farci un salto segnatevi Franca: Chaos and Creation, il documentario che il regista e fotografo Francesco Carrozzini ha realizzato sulla madre Franca Sozzani, storica direttrice di Vogue Italia, scomparsa a dicembre 2016. L'ingresso alle proiezioni è gratuito e basta iscriversi al sito del festival per prenotare il proprio posto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso