13 Luglio Lug 2016 1142 13 luglio 2016

Tacco 12 si diventa

Indossare le scarpe alte senza soffrire? Bastano pochi piccoli accorgimenti. Ecco i consigli della podologa inglese Jemma Klein-Besser per salvaguardare i nostri piedi anche con le calzature più 'pericolose'.

  • ...
tacchi alti

Quante volte di fronte allo specchio ci osserviamo con ai piedi due scarpe completamente diverse? Sandalo raso terra o un bel tacco alto? Ammettiamolo: quando possiamo optare per una calzatura bella e bassa non ci pensiamo due volte, soprattutto se sappiamo di dover stare per tante ore in piedi. Lo so, tutte noi amiamo i tacchi alti, che siano décolleté, sandali, stiletti, spuntate, con o senza plateau, a punta o rotonde. Appena entriamo in un negozio di scarpe le prime che notiamo sono loro, anche se siamo uscite per un paio di infradito. Amiamo indossarle, ci fanno sentire speciali, affascinanti e sexy, ma quanto soffriamo dopo i primi dieci minuti! Inoltre bisogna mettere in conto che possono causare calli, duroni e vesciche. Non solo: a risentirne infatti è tutto il nostro corpo perché camminando non sfruttiamo tutta la pianta ma ci muoviamo con movimento 'tacco-punta' tipico dei ballerini di tip tap. Che, a lungo andare, può causare problemi a ginocchia e schiena oltre ad infiammare i tendini del collo del piede. Per questo sul DailyMail la podologa inglese Jemma Klein-Besser ha proposto alcuni piccoli trucchi, a suo dire efficaci, per sfilare con i nostri amati e vertiginosi tacchi senza rovinarci i piedi.


  1. Cerchiamo di equilibrare il nostro peso così da non scaricarlo solo sulla punta del piede. Non c'è bisogno di essere delle equilibriste basta optare per le zeppe, magari un paio sexy e non da sagra di paese.

  2. Prepariamo i piedi con un bel pediluvio caldo, massaggiamoli con della crema. Scegliamone una ad assorbimento rapido se non vogliamo rischiare di cadere per terra dopo due passi.

  3. Scegliamo scarpe con una suola spessa. Non un improponibile plateau alto più del tacco, bastano pochi centimetri per ammortizzare i colpi della camminata.

  4. Dovremmo privilegiare le scarpe a punta rotonda. Le dita dei piedi in questo modo si distribuiscono meglio.

  5. Infine, una volta tornate a casa dovremmo massaggiare i piedi e fare esercizi per rilassare e alleviare la tensione accumulata. La podologa consiglia di passare una comunissima pallina da golf sotto la pianta ma, se fate le ore piccole, andate direttamente a dormire: i vostri piedi vi ringrazieranno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso