3 Settembre Set 2015 1815 03 settembre 2015

«Non ingrasso per farvi felici»

La fashion blogger Chiara Biasi, intervistata da Selvaggia Lucarelli, risponde alle critiche sulla sua eccessiva magrezza: «Anoressia? Porto la 38. Sono solo una ragazza, non una testimonial del normopeso».

  • ...
biasi

Lei è Chiara Biasi, la seconda fashion blogger più conosciuta d'Italia. Su Instagram 941 mila seguaci e 3953 foto condivise.
È molto bella, e molto magra. Da qualche tempo viene presa di mira sui social dove viene accusata di avere un fisico troppo sottile, al limite dell'anoressia. Selvaggia Lucarelli l'ha intervistata per il Fatto Quotidiano chiedendole senza giri di parole cosa pensi del proprio fisico.


«MAGREZZA E ANORESSIA CONFUSE TROPPO SPESSO»
La Lucarelli va dritta al punto facendosi portavoce della domanda che migliaia di ragazzi ogni giorno rivolgono alla Biasi sul web: «Sei anoressica, Chiara?». «Ogni profilo con molti follower è fatto da gente che ti vuole bene e da hater, che sembra vivano solo per attaccarti, distorcendo o amplificando ogni tuo comportamento. Queste persone hanno bisogno di qualcosa a cui aggrapparsi o di un ruolo, e questa volta di colpo tutti sono diventati dottori o nutrizionisti. E confondono, spesso volutamente e a volte per superficialità, magrezza e anoressia», risponde.


«LA MIA MAGREZZA NON PIACE? LO ACCETTO»
Chiara ha ammesso di essere magra, ma ha spiegato di star attraversando un momento positivo, sia professionalmente che personalmente, che le permette di vivere una vita più regolare. «Dormo, mangio, sono felice e piena di energia. Rispetto al passato il mio fisico è più asciutto. Penso sia un mio diritto, no?».
Ha anche raccontato di aver avuto un problema di salute che l'ha portata ad assumere cosrtisone per un anno: «Pesavo dieci chili in più. Anche questo ha avuto un suo ruolo. Ho anche frequenti problemi ormonali, spesso mi gonfio un po', ma non è un dramma».
Ma che taglia porta? «Sono una taglia 38, siamo in tante a portarla e di sicuro non è una taglia pensata per le anoressiche. E comunque io sono questa, la mia magrezza può non piacere, lo accetto, non pretendo di essere un' icona di bellezza per gli altri».


«DOVREI INGRASSARE PER LE ALTRE?»
«Cosa dovrei fare, ingrassare per invitare le altre a mangiare?», continua. «Ritoccare le foto? Sono solo una ragazza, non una testimonial del normopeso. La mia scelta è quella di sentirmi libera di essere me stessa e di rappresentarmi per ciò che sono, senza lasciare che siano gli altri a decidere per me o cosa sia politicamente corretto.
La Biasi ha anche dichiarato di non preoccuparsi per le critiche che costantemente la attaccano sul web e di non aver nessuna intenzione di chiudere la sua pagina Instagram. «Ci sarà tempo per una famiglia. E, spero, per dei figli. E allora magari smetterò anche di fumare. Ma per mio figlio, non per i miei follower».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso