Glamour 28 Gennaio Gen 2015 1648 28 gennaio 2015

Stilosa come Jackie

Amava i colori e gli accessori. Ecco come replicare i look dell'ex first lady americana.

  • ...
guest_cache_814047976969647b8c4f89fb966d6b5e

Jackie Kennedy a una cena di gala nel 1962.

Getty Images

Jacqueline Kennedy Onassis è e resterà per sempre un’icona di stile indiscussa. A maggior ragione ora che si scopre che l’ex first lady americana, era solita dettare le regole per la realizzazione dei propri abiti o addirittura prendere in mano la matita e intervenire lei stessa su bozzetti e schizzi dei suoi amati stilisti. Si spiega così il suo essere sempre impeccabile, equilibrata e mai fuori posto, dal cappellino alla scarpa, passando per cappotto e filo di perle, quasi sempre tutti in pendant. Look che hanno fatto la storia e che rimangono immortali e d’ispirazione anche ai giorni nostri.

Jackie Kennedy in total black nel 1967.

Getty Images - 2005 Getty Images

PIZZINI DI STILE
Il 17 gennaio in Florida la casa d’aste Palm Beach Modern Auctions ha battuto all’asta per 28mila dollari (circa 24mila euro) una serie di cartoline e lettere firmate da Jackie Kennedy e indirizzate ai suoi stilisti di riferimento con ringraziamenti o vere e proprie istruzioni su come dovevano essere confezionati i suoi abiti. In una di queste lettere, indirizzata al designer Bill Hamilton, all’epoca direttore artistico di Carolina Herrera, l’allora signora Onassis confessa «Sono stufa del nero, mi ricordano un villaggio sul Mediterraneo in cui tutti si vestono a lutto per 20 anni di fila», allegando inoltre un bozzetto da lei disegnato di un completo con giacca a un petto. Ci teneva sempre a provare e riprovare gli abiti e a dare indicazioni su tagli, lunghezze e imbottiture e se non veniva accontentata si metteva lei a disegnare o correggere gli schizzi degli stilisti.

Jackie Kennedy con uno dei suoi iconici cappellini.

IL GUSTO DI JACKIE
Ora è più facile rileggere quegli outfit in una chiave diversa. L’attenzione per ogni dettaglio, infatti, è sempre stata la discriminante nei suoi look, sempre così composti e adeguati alla situazione. Erano gli Anni '60, quelli in cui cominciò ad apparire in pubblico accanto al marito John F. Kennedy con abiti simmetrici da collo stondato e cappottini con i bottoni foderati dello stesso tessuto. A rimanere immortali però sono soprattutto i cappellini tondeggianti, che hanno fatto la storia degli accessori e sono diventati parti fondamentali dei manuali di costume. Come si legge ora dalle sue missive, Jackie amava i colori, soprattutto il rosa, che indossava anche il giorno in cui il marito fu assassinato a Dallas.

COME COPIARLA
Per continuare a ispirarsi al suo stile, dunque, bastano pochi accorgimenti, soprattutto cromatici. Per la primavera/estate 2015, infatti, sono molti gli spunti che ci fanno tornare indietro nel tempo, pur rimanendo contemporanee. Moschino, ad esempio, rilegge in chiave pop i completini bouclè rosa confetto, mentre da H&M si possono trovare una serie di cappottini in panno dal profilo sixties. I tubini di Marni, Emilio Pucci e Jason Wu ricordano nei tagli e nei colori il gusto di Jacqueline, mentre tra gli accessori, se non è facile trovare i celebri copricapo, è più facile avvicinarsi al suo gusto con i sandali bicolor di Sergio Rossi o le décolleté glicine di Fendi, mentre tra le borse, la tracollina di Saint Laurent sembra disegnata pensando a lei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso