Must have 6 Dicembre Dic 2014 1010 06 dicembre 2014

Ricoperte di lana

Rasata, a coste o mohair. Il vestito diventa caldo per gli stilisti.

  • ...
SGP Reference: ShootID=2633341 EventID=88001 Date=21/02/14

Collezione autunno/inverno 2014-15 di Sportmax.

SGP/SGP - Copyright SGP/SGP 2014

Morbida, calda e avvolgente. È la lana la vera protagonista dell’autunno/inverno 2014-15. Gli stilisti la vogliono rasata, a coste e in mohair, ma non solo per cardigan e pullover, ma anche per abiti e completi, dove perfino i pantaloni sono in morbido filato. Un ritorno agli anni Settanta nelle forme e nelle linee e una palette di colori che non si sposta di molto dai toni neutri e dalle nuance del grigio. È il mèlange spesso la tipologia prediletta dai designer, che non rinunciano ad aggiungere qua e là lurex e lustrini, per rendere glamour anche il materiale casual per eccellenza. Tricot dunque sì, ma rigorosamente elegante per abiti corti o lunghi, perfetti anche per la sera.

TRICOT DA PASSERELLA
Sulle passerelle sfilano dunque completi fatti di pantaloni e lunghe casacche, come quelli brillanti di Céline portati con stole in pelliccia e quelli vintage di Marc Jacobs, abbinati a borse in cuoio. Lana in abbondanza anche da Stella McCartney, dove i maglioni perdono la simmetria e si trasformano in abiti arruffati e decisamente contemporanei. Il tricot non manca certo da Sonia Rykiel, pioniera del genere, che per questa stagione propone maxi pull color cammello da portare sopra a pantaloni in maglia e con gilet smanicati in contrasto.

LANA DA SERA
L’abito dunque deve essere fatto rigorosamente a ferri, ma a trame sottilissime. Per le più freddolose sono molte le proposte in lungo. Come le tuniche morbide in varie sfumature di grigio di Zara e H&M o quella rosso scuro firmata Maison Martin Margiela, che elimina le forme e scende imponente fino ai piedi. Più sportivo l’abitino di Alexander Wang, che arriva a metà polpaccio e dove il grigio è ravvivato dal giallo fluo nei contorni e nei dettagli. Per la sera infine Diane von Furstenberg ha pensato a un abito in maglia di lurex lungo fino ai piedi e chiuso con un morbido fiocco, per stare comode anche nelle serate più mondane.

COMODE IN CORTO
Per il giorno invece l’abitino corto è l’ideale. Da portare con i leggings o con un paio di calze coprenti, si presta davvero a tutte le occasioni. Irrinunciabile la gamma di colori neutri, must della stagione, dal tortora di The Edler Statesman al grigio topo di Haider Ackermann. Mango accontenta invece le amanti del bon ton, con un abitino in due pezzi dove la gonna nera contrasta con il pulloverino grigio. Il panna invece è il colore scelto da Vionnet, per un bluson fatto di mille trecce che lo rendono corposo. A ognuna dunque l’abito giusto, purchè sia fatto a ferri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso