Tendenze 4 Aprile Apr 2014 1046 04 aprile 2014

Viaggiatrice etno-chic

Caftani, tessuti impalpabili arabescati, stampe animaler. E' di moda lo stile da turista a cinque stelle.

  • ...
etro11

Etro. Collezione primavera/estate 2014.

Dopo un inverno lungo e faticoso una vacanza è sicuramente quello che ci vuole. Ma se le ferie d’agosto sono ancora lontane, si può cominciare con il guardaroba per immaginare di essere in luoghi esotici sotto i raggi del sole. Lo stile da turista a cinque stelle, infatti, sembra essere il preferito dagli stilisti, che propongono look a cavallo tra l’etnico e lo chic.
PASSERELLE ETNICHE
Etro, per  esempio, che punta sempre ad arabeschi e trame etniche, propone per la primavera/estate 2014 una serie di caftani in seta con stampe cachemire dai colori chiari. Anche Roberto Cavalli disegna abiti lunghi ed eterei che ripropongono le classiche texture pitonate. Da Angelo Marani, poi, animali e paesaggi della savana si tingono su abiti dai colori caldissimi, mentre Chloè sceglie micro fantasie su completi azzurri da moderne escursioniste.
LA MODA DEL CAFTANO
I caftani, dunque, andranno per la maggiore, portati lunghi e spesso irregolari, con stampe e fantasie geometriche, come quello color mattone di The Row, oppure in seta blu dal sapore retrò come quello firmato Issa. Arabeschi ocra e azzurro per Etro, che propone una selezione davvero variegata di abiti in seta. Molto comodi sono anche gli abitini corti, sempre dal gusto etnico, come il tubino rimborsato a stampa animalier di Roberto Cavalli o le palme stampate sugli abiti di Mango e Zara.
ACCESSORI PITONATI
Tra gli accessori, infine, c’è l’imbarazzo della scelta. Le scarpe sono basse e pitonate come le ciabattine di Stella McCartney oppure ricche di pietre e conchiglie, come i sandali di Giuseppe Zanotti. Per il giorno Zara propone una borsa secchiello color tabacco, mentre per la sera la pochette in pitone multicolor. Non resta che preparare la valigia e partire, almeno con la fantasia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso