TREND 4 Settembre Set 2013 1041 04 settembre 2013

La tavola il pranzo è vegetariano

In aumento il popolo veg. Che abbraccia uno stile di vita sano. Per salvare ambiente e salute.

  • ...
Cucina vegetariana.

Vegetariani. Secondol'ultimo rapporto Eurispes i vegetariani in Italia sono in forte incremento: il 6% dei nostri connazionali evita carne e pesce. (Thinkstock)

Getty Images/iStockphoto

La tavola si colora dei toni della natura: sempre meno carne e pesce è presente nelle cucine degli italiani. A dirlo l'ultimo rapporto Eurispes che evidenzia come il 6% dei nostri connazionali evita questi alimenti e ha scelto di diventare vegetariano (4,9%) o vegano (1,1%). Un dato in grande incremento se si pensa che la percentuale è aumentata di 2 punti in un solo anno presente nelle cucine degli italiani.
DONNE ECO FRIENDLY
Un vero e proprio stile di vita abbracciato per lo più dalle donne per cui prevale il rispetto per la fauna (66,7%); mentre gli uomini scelgono il veg world per ragioni legate al benessere e alla salute (42,3%).  Lo studio, inoltre, sottolinea anche un altro fattore: sono i giovani, di età compresa fra i 25 e i 34 anni, a scegliere di condurre una dieta priva di proteine animali. BENEFICI PER IL PIANETAUn regime alimentare che ha diversi vantaggi, non solo per la persona, ma anche per l'ambiente: basti pensare  al beneficio che tutto il pianeta guadagnerebbe se un giorno alla settimana si adottasse un'alimentazione senza carne. Solo per gli italiani si ridurrebbero le emissioni di Co2 corrispondenti a un miliardo e 600 milioni di chilometri percorsi da un Suv. UNA DIETA CRUELTY FREEE ancora: una persona risparmierebbe l'equivalente del consumo di una lampadina accesa ininterrottamente per 277 giorni. Così da questi dati è nata l'idea di una dieta cruelty free promossa da Lav (Lega Anti Vivisezione) e L'Erbolario, un marchio cosmetico italiano da sempre attento alle tematiche ecosostenibili, che ha realizzato l'iniziativa Mercoledì Veg: un giorno alla settimana - il mercoledì, appunto -  di dieta vegan. UNIRE ETICA E BENESSEREGianluca Felicetti, presidente Lav, spiega i vantaggi di questa iniziativa: «Se da un lato si risparmiano tonnellate di anidride carbonica, dall'altro si riduce quasi di 1000 litri l'uso di acqua. E, visto che gli esperti prevedono che un'alimentazione carnivora ci porterà entro quarant'anni a prosciugare completamente le risorse idriche del pianeta, questa può essere una buona ragione per cominciare sin da ora a cambiare stile alimentare». Un'ottima occasione quindi anche per chi avesse voglia di sperimentare la cucina vegetariana e vegana di approcciarsi a questa alimentazione che unisce etica e benessere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso