MUST HAVE 3 Luglio Lug 2012 1134 03 luglio 2012

Voglio una donna con la (mini)gonna

La mini skirt sta per compiere 50 anni. Rivista e corretta, non ha mai smesso di essere un capo cult. LetteraDonna.it vi propone i modelli imperdibili. Per un'estate cool.

  • ...
twiggy 1966

Quasi cinquant'anni e non sentirli. La dote, quanto mai rara, appartiene a uno dei capi più iconici della storia della moda: la minigonna, ormai pronta a celebrare mezzo secolo.
1963, LA NASCITA DI UN EMBLEMA

Un'immagine datata 1966 della modella Twiggy.

«Inventata» ufficialmente nel 1963 dalla stilista Mary Quant, che si lasciò ispirare dalla celebre automobile Mini (ma reclamata anche da André Courrèges, stilista francese che ne rivendicò la paternità), e portata in auge da una giovanissima Twiggy, che fu la prima a indossarla nei servizi di moda, la mini skirt divenne subito il simbolo della Swinging London e si legò indissolubilmente ai primi movimenti femministi come emblema di ribellione, libertà e anticonformismo.
LA STROCATURA DI MADEMOISELLE COCO

La stilista Mary Quant, ovvero la donna che ha inventato la minigonna.

ANSA - ANSA

Da allora la gonna che fece scandalo non ha più abbandonato la scena fashion. Messa alla gogna da grandi stilisti come Coco Chanel, che la considerava indecente, e da Cecil Beaton che arrivò ad affermare «Mai nella storia della moda un pezzo di stoffa così piccolo è stato portato così in alto per scoprire così tanto ciò che dovrebbe restare coperto», la minigonna non si è lasciata abbattere.
Ha vinto le più nefaste previsioni di declino e ha scongiurato le continue ipotesi di morte per continuare a essere più viva che mai, cambiando volto, reinventandosi, superando mode e modi d'uso, per essere presente stagione dopo stagione, e in maniera più o meno preponderante, nelle collezioni dei grandi stilisti.
2012, DECLINAZIONI DI UN MITO

Non stupirà, quindi, vedere le tante declinazioni della minigonna portate in passerella per l'estate 2012.
Miu Miu la rilegge in versione bon ton e ne alza così tanto la vita da non farla neanche più sembrare così mini.
Frankie Morello la vuole ampia e svolazzante da portare con i leggings da ciclista per un look suburbano.
Ashish propone un modello in versione mattoni trompe-l-oeil, mentre Christopher Kane la rende elegantissima in shantung di seta. Roberto Cavalli crea gonne plissettate e stampate, mentre Balmain la rende sexy e lussuosa con  decori color oro.
Jeremy Scott la realizza in jeans, PPQ in chiave new Eighties, Meadham Kirchhoff  preppy funny.
Paul Costelloe porta sul catwalk gonne corte dal mood ladylike, mentre Jo No Fui, Thakoon e Carven amplificano l'effetto ruota e corolla.
Per Kenzo la minigonna è wrap, per Louise Gray ha linee a trapezio ispirazione Sixties, per D&G è leggera e impalpabile come i foulard da cui riprende la stampa. Senza dimenticare Blumarine che la esaspera con fiori al neon e tessuti ultrastretch.
In 50 anni è diventata così matura da essere sempre diversa e attualissima: un primato da vera leggenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso