primavera/estate 2013 26 Giugno Giu 2012 1150 26 giugno 2012

Un uomo fuori dalle righe

Quattro tendenze e molti vip alle sfilate di Milano. Per celebrare il desiderio di cambiare.

  • ...
25-burberry

La sfilata uomo di Burberry Prorsum per la PE 2013.

Un uomo che non sente la crisi, quello proposto dagli stilisti per la primavera-estate 2013. Un uomo che si ricopre di seta e tessuti cangianti, che indossa colori sgargianti e accessori opulenti, preferibilmente in pendant. Il pantalone corto prevale su quello lungo, gli impermeabili a volte sostituiscono le giacche, che vedono però il ritorno del doppio petto. I colori sono quelli accesi del giallo, dell’arancio e del verde, smorzati qua e là dal bordeaux, dal marrone e dal grigio. Molte le tendenze per l’anno che verrà, tra conferme e colpi di testa, apprezzati anche dai volti noti che hanno popolato i parterre più blasonati. LetteraDonna.it ha individuato quattro trend che saranno, tra meno di un anno, le linee guida nelle scelte maschili.

 FUORI DALLE RIGHE
La riga fa estate, si sa, e allora gli stilisti si sbizzarriscono. C’è chi le sceglie orizzontali e colorate, anche per i pantaloni, come Dolce&Gabbana oppure verticali in bianco e nero, come Costume National, che propone un pantalone morbido, quasi da vestaglia. Nel front row intanto spicca la fashion editor di Vogue Giappone, Anna Dello Russo, con uno dei suoi eccentrici look. Emporio Armani, invece, ha pensato alle maxi righe per i pullover in cotone o per maglie effetto nudo, dove ogni riga è una trasparenza. Gucci poi si spinge ben oltre e con le righe ci colora un intero completo, perfetto per un moderno dandy.
IL RITORNO DELLE BERMUDA
Comode, fresche e pratiche, le bermuda tornano, perfette se abbinate alla giacca. Emporio Armani le propone chiare a metà polpaccio, portate con il doppio petto per dei giochi di contrasti casual chic. Bianche anche da John Richmond, che le vuole invece morbide e al ginocchio. Difficilmente però le vedremo indosso a Morgan, che assieme alla giovane fidanzata Jessica Mazzoli, ha popolato il parterre della sfilata. Stessa filosofia da Jil Sander, dove il pantalone corto sembra quasi una gonna. Cortissime, quasi degli shorts da Missoni, decorate con motivi etnici, rigorosamente abbinate alle maxi borse in tessuto.
IL POTERE DEL SATIN
Che siano completi in seta o impermeabili cangianti, l’effetto satin conquista le passerelle. Degni di un elegante maragià i completi traslucidi di Etro, portati con camicie alla coreana e turbante in tinta. Roberto Cavalli e Frankie Morello puntano, invece, in basso, disegnando pantaloni cangianti, in pelle laminata viola, per il primo e in dorato, dallo stile hip hop,  per il secondo. Da Cavalli a dare luce alla prima fila sono stati invece l'attore americano Kellan Lutz e il modello italiano Ivan Olita. Effetti metallici anche per Versace, che manda in passerella uomini vigorosi con giubbini cangianti color bronzo. Da Ermenegildo Zegna poi, l’uomo si riprende la sua eleganza, con completi dai micro disegni in rasatello di seta, perfettamente incarnata dall'attore tedesco Sebastian Koch, ospite d'onore del defilé.
AVVOLTI NEL TRENCH
Il trench è un gran classico della primavera. Lo sa bene Burberry Prorsum, che di questo pratico capospalla ne ha fatto il proprio segno distintivo e che per la prossima primavera, oltre alle versioni classiche propone un’originale linea di soprabiti cangianti in viola, fucsia e verde menta. Corneliani va invece sul classico, con trench morbidi, che scivolano addosso ai completi, spesso realizzati con lo stesso tessuto. Eleganza impeccabile anche da Zegna, dove l’impermeabile sostituisce addirittura la giacca, abbinandosi perfettamente al pantalone. John Varvatos infine lo propone più casual, abbottonato in modo originale e portato con cappelli a falda larga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso