CATTIVE FUORI 28 Ottobre Ott 2011 1033 28 ottobre 2011

Il mio lungo inverno fetish

Pelle, latex, tacchi killer. Mascherine e manette. Fate spazio nell'armadio: le ragazze aggressive sono tornate.

  • ...
Look fetish

Le cattive ragazze sono tornate. Questa volta in versione fetish. E fanno sul serio. Travestite da cameriere finto bon ton, collegiali poco innocenti, castigate in severe mise. Oppure sfacciatamente osé, strizzate da bustier, camicette in latex, abiti di pelle e arrampicate su tacchi vertiginosi. Un vero e proprio inno alla provocazione, benedetto, prima di tutto, da molte griffe sulle passerelle.
COME MODERNE CHARLOTTE RAMPLING

Sono sado-chic le donne Louis Vuitton: sembrano uscite dalla pellicola di Liliana Cavani, Il Portiere di notte. Si muovono come moderne Charlotte Rampling con tanto di divisa e berretto simil-nazi, corredato da mascherina. E come feticcio indossano le ambite borse della maison legate al polso con manette d'oro e diamanti. La vita è strizzata da alte cinture-bustier in vernice, le gonne a tubino giocano con le trasparenze dell'organza e i boots con plateau rosso fuoco sembrano trampoli.
DOMINARE? È QUESTIONE DI PELLE
Nella collezione di Emanuel Ungaro è la pelle a "dominare", nera, nemmeno a dirlo. È protagonista assoluta, su bustier, gonne, pantaloni e abiti, semplice o decorata. In alternativa impalpabile chiffon o pizzo, ma sempre super sexy.
QUANDO IL DETTAGLIO È ANIMALE
Pantere nere spuntano sulle mise di Givenchy, che sembrano avvolte da un alone di mistero. Ancora total black, ancora trasparenze, ancora pelle. E qualche dettaglio in più: a gonne tubino super strech vengono sovrapposte baschine in vinile che si aprono come petali intorno alla silhouette a sigaretta. Ampi bomber avvolgono poi  l'intera mise nascondendo le linee del corpo.
È surreale, quasi inquietante, la donna fetish proposta da Alexander McQueen: imprigionata in imbracature di cuoio che stringono collo, spalle e vita. Ai piedi indossa altissimi stivali con allacciature a corsetto, di serpente o vernice, o pericolose (e pericolanti) zeppe con punzoni d'acciaio.
La femme di Thierry Mugler cammina su tacchi estremi costretta in tubini e pantaloni di latex, pelle o tessuto aderente e indossa reggiseni di silicone. Diventa animalesca quando macchie di leopardo decorano jumpsuit trasparenti e maniche dal pelo lungo ricoprono le importanti spalle.
AGGRESSIVA & MISTERIOSA
È guerriera la femmina di Viktor & Rolf: ostenta la sua aggressività con capi imponenti che sembrano armature. Rosso e nero, i due colori sado per eccellenza, colorano tronchetti e stivali di vernice.
Ha un côté boundage la donna di Mark Fast che indossa capi di pelle invasi da allacciature o top con fori che lasciano ben poco all'immaginazione. La donna di Versace, invece, porta uniformi rigorose con mostrine e bottoni dorati, mentre quella  di Yves Saint Laurent predilige la vernice, ampi mantelli e zeppe tempestate di spuntoni acuminati.
GIUSTO UN ASSAGGIO
...
E per chi proprio non si sentisse una dominatrice, basta rinunciare al total look sado e optare per un accessorio soltanto così da rendere la mise un pizzico più strong. Come i guanti lunghi di pelle di Mark Fast, o gli orecchini noir con nappine di H&M, o la fusciacca corsetto e il collier di pelle di Zara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso