IL GUARDAROBA CHE VERRA' 15 Ottobre Ott 2011 1416 15 ottobre 2011

Rigorosa, con licenza di sedurre

Bon ton, di plissé vestita, o tecnologica. Fasciata in tubini di pvc, ma anche sognatrice e romantica. Ecco la donna della prossima primavera-estate.

  • ...
Frankie Morello

Un abito di Frankie Morello.


Chic. A volte timida fanciulla, altre signora sofisticata. Qualunque sia il mood del momento, la donna presentata a Milano per la primavera-estate 2012 è sempre elegante, dinamica, innamorata dei colori e della vita.
LADY CHARLESTON
Si torna al passato. Ai ruggenti Anni '20, quelli della passione per la musica jazz di Jelly Roll Morton, per il nightclub Le Boeuf sur le Toit di Parigi, e per il ballo. Come il charleston. Una pioggia di frange brilla e si muove assecondando ogni movimento. Gli orli delle gonne e degli abiti si allungano
al ginocchio, i tessuti seguono la linea della silhouette, la vita si abbassa.
E l'attenzione si sposta sulle spalle e sulla schiena, in evidenza grazie a profonde, nonché audaci, scollature. La donna Gucci si muove in atmosfere glamour e seducenti e porta con sé tutto lo scintillio di quegli anni. Gli abiti scivolati di Alberta Ferretti hanno un côté più romantico grazie alle preziose lavorazioni che da sempre caratterizzano la maison.
VOGLIA DI PERBENISMO, TRIONFA IL PLISSÉ
Diventa trendy la ragazza perbene. Il plissé, invade ogni capo con la sua allure bon ton. I tessuti si increspano in una miriade di piegature su gonne, camicie e abitini. La donna Prada porta rigorose camicette che nascondono molto bene il décolleté e romantiche gonne plissé al ginocchio nei tessuti più morbidi e avvolgenti, come chiffon, sangallo, seta e cotone. In tenui tonalità pastello. Anche le gonnelline di Krizia sembrano avere velleità fanciullesche, abbinate a camicie accollate o a top a fascia. Antonio Marras estende le lavorazioni plissé perfino al trench.
ELOGIO DEL TUBINO
Alle mise più comode si contrappone il rigore (e la seduzione) delle gonne a tubo. Aderenti, super stretch, totalmente fascianti. A vita alta e lunghe fino al ginocchio. Con una severità sdrammatizzata soltanto dai colori e nel gioco di contrasti con micro top, altro protagonista della stagione. Un duo a volte inscindibile.Gli abiti di Aquilano.Rimondi hanno motivi barocchi mentre quelli di Dolce & Gabbana sono in pizzo total black o decorati con ingredienti delle ricette mediterranee.
QUANDO LEI INDOSSA UN PICASSO
L'arte domina le passerelle e disegni importanti trasformano i capi in quadri. La collezione di Gabriele Colangelo si ispira all'artista tedesco Gerhard Richter. Così stampe di tramonti appaiono su canotte e gonne quasi come fossero dipinte.
Jil Sander, invece, rende omaggio a Picasso. Intarsi sui maglioni riproducono alcuni dei motivi delle ceramiche dell'artista.
E ancora, Frankie Morello si diverte a giocare con le meraviglie d'Italia e "dipinge", per esempio, la Torre di Pisa su pantaloni e abiti.
Les Copains, infine, riproduce i volti di donna di Omar Galliani su quattro t-shirt, pezzi unici che saranno messi all'asta alla Biennale di Russia.
MULTICOLR O TUTTA D'ORO
Il colore continua a regnare e i tropici arrivano in Italia. Una palette calda dal mood esotico colora  le allegre mise della stagione.
Come il mini-dress di Blumarine, color arancio decorato con fiori rosa shocking, o come l'abito di Alberta Ferretti, giallo limone. L'oro luccica più di qualsiasi altro colore.
Roberto Cavalli col prezioso materiale decora abiti da sera e pantaloni regalando un'aura sofisticata a ogni mise. Sono gold anche i pantaloni di Byblos.
DAMA HI-TECH
I materiali tecnici fanno incursione accanto a quelli più pregiati. Le sirene di Versace indossano abiti di neoprene mentre Blumarine realizza tubini di pvc. Ma il pvc è anche negli accessori di Emporio Armani e sulle mise arancio di Dolce & Gabbana, dove si mixa a dettagli crochet.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso