13 Dicembre Dic 2017 0900 13 dicembre 2017

Vacanze con bambini: cinque consigli per il viaggio

Che si tratti di viaggi last minute o per Natale, andare via con i propri figli spesso diventa una missione. Alcune regole da seguire per sopravvivere meglio. 

  • ...
Vacanze con Bambini Cinque Consigli

Se siete fortunate, l'avvicinarsi delle festività natalizie equivale anche all'avvicinarsi di qualche bel viaggio in famiglia. Magari non si tratta più di una vera e propria settimana bianca, ma di qualche giorno in meno, però ogni vacanza merita di essere ben programmata. Soprattutto, quando si hanno con sè dei bambini più o meno piccoli, l'organizzazione è fondamentale. Il New York Times ha raccolto cinque ottimi (e facili) consigli da seguire per godersi i giorni di relax con i propri figli.

NON METTERE IN PROGRAMMA TROPPE COSE

Avere dei compagni di viaggio implica sempre un certo livello di compromesso: se poi si tratta di bambini under 10 lo spirito di adattamento deve essere la vostra parola d'ordine. Stabilire un programma di viaggio è importante, se non fondamentale. Far vedere ai vostri figli che avete la situazione sotto controllo li renderà più propensi ad ascoltarvi e a non criticare troppo quelle passeggiate più lunghe del solito che saranno costretti a fare. Però, non riempite troppo le giornate con attività troppo stancanti, o troppe attività in generale. Un po' perché i bimbi si stancano più in fretta (o semplicemente quando sono stanchi non hanno problemi a farvelo sapere) un po' perché le energie servono anche a voi per tenerli sotto controllo. Consiglio: cercate di bilanciare 'cose che piacciono a voi' con 'cose che piacciono a loro', e anzi cercate di coinvolgerli nel programma di un pomeriggio. Li farà sentire 'grandi' e responsabili.

VALE CHIUDERE UN OCCHIO

Durante la vita di tutti i giorni ogni genitore ha delle regole ben precise, o se proprio non così precise, sicuramente ha delle linee guida che vuole vengano seguite. Che sia poca televisione la sera, la minestra mangiata almeno una volta a settimana o non bere troppe bibite gasate, durante un viaggio si può chiudere un occhio e sgarrare a qualche precetto. Siate più flessibili, sarà anche più facile per voi godervi le giornate. Quindi sì ai videogiochi in aereo, se serve a non far diventare i vostri figli degli sciamannati, e anche qualche eccezione alimentare si può fare: così non sarete obbligate a dare il buon esempio.

RESPONSABILIZZARE A PICCOLI PASSI

Quando si viaggia in tanti, o anche non in tantissimi, ma in gruppo composto da adulti e bambini, dividere i bagagli e le cose da portare richiede un'abilità non indifferente. L'esperienza insegna che è meglio avere per le mani poche valige, ma grandi, piuttosto che tante e piccole. I mini trolley sono comodi per i viaggi brevi, e per una coppia, non così tanto per un'intera famiglia. Però dopo esservi accertato di avere messo in un unico posto tutte le cose fondamentali, potete sempre preparare delle mini borse o zainetti da dare ai vostri figli. Magari con dentro i loro giochi preferiti, i libri che stanno leggendo, o un cambio per una notte. Sapranno di essere loro i responsabili del carico e presteranno molta più attenzione.

DIFENDERE IL SONNO: HOTEL O APPARTAMENTO?

Spesso viaggiare con i propri figli significa dire addio alle camere di albergo, e optare per l'affitto di un appartamento. Potrebbe non essere una rinuncia così dolorosa (servizio in camera e letti rifatti a parte): avere camere separate, come a casa, vi permette di non sconvolgere completamente le vostre abitudini. I bambini andranno a dormire molto prima di voi, impedendovi magari leggere un libro o guardare un po' di tv prima di spegnere le luci. Gli alberghi, poi, nascondono insidie economiche non indifferenti: i costi dei frigo bar sono cosa rinomata. Se optate per un aparthotel, o un Airbnb potrete risolvere entrambi i problemi.

AGGIUNGI UN POSTO IN AEREO (O IN TRENO, IN MACCHINA)

Questo è un consiglio da seguire solo per chi sa di avere una buona sopportazione famigliare: a volte estendere l'invito del viaggio a nonni, zii o cugini può essere utile per gestire i più piccoli del gruppo. Non è detto che dobbiate sempre fare tutti le stesse cose, poi: potete anche pianificare programmi diversi oppure dividervi in due gruppi. Se sapete di poter affidare i vostri figli nelle mani di suocere e parenti senza dover poi controllare orologio e cellulare per tutto il giorno, potreste anche azzardare di passare un intero pomeriggio con vostro marito/moglie e nessun altro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso