HOBBY 7 Ottobre Ott 2012 1944 07 ottobre 2012

L'orecchio musicale dei piccoli

Chi studia musica da bambino da grande sa ascoltare meglio.

  • ...
L'orecchio musicale dei piccoli

Il modo in cui si sentono i suoni da adulti dipende dalle esperienze fatte durante la crescita.

Getty Images - (c) Per Breiehagen

Chi prende lezioni di musica da piccolo, da grande avrà una migliore capacità di ascolto, che consentirà al suo cervello di rispondere a suoni complessi e riconoscere meglio le diverse frequenze. Uno studio, pubblicato sul Journal of Neuroscience, ha messo a confronto chi da bambino aveva studiato uno strumento musicale per 1-5 anni, e chi no. Il risultato è che chi studia musica da bambino, da grande riesce ad esempio a seguire conversazioni in ambienti rumorosi, come i ristoranti. «Partendo da ciò che già sapevamo - ha spiegato Nina Kraus, coordinatrice dello studio - sui modi in cui la musica aiuta a modellare il cervello, abbiamo visto che le lezioni di musica a breve termine sviluppano l'ascolto e l'apprendimento nel lungo periodo».
I ricercatori hanno dedotto che «pochi anni di lezioni di musica danno vantaggi - ha continuato - su come si percepiscono e si seguono i suoni in situazioni di comunicazione quotidiana, come in ambienti rumorosi».
In altre parole il modo in cui si sentono i suoni da adulti dipende dalle esperienze fatte durante la crescita. Gli effetti durano a lungo, anche se le lezioni si sono fatte per hobby.
LO STUDIO
I ricercatori hanno testato la risposta di 45 adulti a diversi suoni complessi, usando elettrodi per misurare l'attività cerebrale. I partecipanti sono stati raggruppati a seconda di quante lezioni avessero preso da bambini, se nulla, da 1 a 5 anni, o da 6 a 11 anni. Così si è visto che chi aveva studiato, anche solo per pochi anni, aveva processi neurali più consistenti nei diversi test con i suoni. In particolare si sono rivelati migliori nel cavarsela con le frequenze fondamentali, quelle più basse nei suoni, necessarie quando si ascoltano discorsi e musica in ambienti rumorosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso