4 Maggio Mag 2018 1235 04 maggio 2018

Perché il premio Nobel per la Letteratura 2018 è stato sospeso

È il climax di una situazione cominciata l'anno prima, dove ci sono in mezzo molestie sessuali, finanziamenti illeciti e un regolamento piuttosto restrittivo.

  • ...
Nobel Letteratura Sospeso

Bisognerà aspettare almeno un altro anno per sapere chi è il vincitore del premio Nobel per la letteratura 2018. È l'esito clamoroso dei recenti scandali di molestie sessuali che hanno travolto l'Accademia Svedese, l'istituzione che assegna il premio dal 1901. La proclamazione annuale, però, è solo sospesa: il vincitore di quest'anno verrà annunciato nel 2019, insieme al vincitore del prossimo anno. Una sospensione che però non sminuisce il carattere di gravità ed eccezionalità della notizia. È la prova che, anche grazie al battage del movimento #MeToo, le molestie sessuali hanno cominciato ad essere prese davvero sul serio. In attesa di eventuali evoluzioni, ricostruiamo la vicenda che ha portato a questo esito, per nulla lineare.

LE MOLESTIE DI ARNAULT

Lo scandalo è emerso nel novembre 2017, quando un quotidiano svedese ha raccontato che ben 18 donne avevano denunciato per abusi e violenze un fotografo, Jean-Claude Arnault. Arnault è il marito della poetessa Katarina Frostenson, che dal 1992 fa parte dei membri dell'Accademia Svedese. L'istituzione, scoppiato lo scandalo, aveva avviato un'indagine per scoprire se ci fosse qualche tipo di legame tra l'Accademia e il fotografo. E il legame c'era, visto che l'istituzione finanziava con 13mila euro l'anno Forum, centro culturale gestito dal fotografo. Alle accuse nei confronti di Arnault, già gravi, si è anche sommata quella di aver molestato la principessa Victoria di Svezia.

LE DIMISSIONI A CATENA

Oltre a stabilire un legame scomodo, si venne a scoprire che quel finanziamento contravveniva alle regole dell'Accademia, che in nessun modo può favorire i suoi membri: nello specifico, la moglie di Arnault, Katarina Frostenson. La faccenda si sarebbe chiusa prima se, come consigliato dagli avvocati, l'Accademia avesse denunciato il centro culturale e tagliato i ponti con Arnault. Così non accadde: per protesta, il 6 aprile tre membri dell'Accademia decisero di non farne più parte, seguiti a ruota da Sara Stridsberg e Sara Danius, segretaria permanente. E qui diventa importante capire come funziona l'Accademia.

COME FUNZIONA L'ACCADEMIA

L'Accademia è composta da 18 membri che vengono nominati a vita e non possono dimettersi, ma tutt'al più decidere di non partecipare ai lavori. Per sostituirli, bisogna attendere il loro decesso. E per nominare i nuovi accademici, bisogna raggiungere un quorum di 12 membri. Allo stato attuale delle cose, però, i membri attivi sono 11. Paradossalmente, l'Accademia rischia pian piano di scomparire perché non può rinnovare i propri membri. Il re di Svezia sta comunque pensando a una modifica del regolamento per salvare l'Accademia. La mancata nomina del premio Nobel per la letteratura, però, non dipende da questo (bastano otto membri), ma dalla necessità di restaurare un clima di fiducia nell'Accademia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso