2 Maggio Mag 2018 1129 02 maggio 2018

Facebook come Tinder? In realtà, ci sono molte dating app alternative

Per uscire e conoscere ragazzi e ragazze ci sono diversi modi, soprattutto se si ha uno smartphone a portata di mano.

  • ...
Facebook Tinder Dating App Alternative

Negli anni, Facebook ci ha sempre stupito, nel bene e nel male. Basta pensare a tutte le funzionalità che il Ceo Mark Zuckerberg ha introdotto sin dalla nascita del social network, nel 2004. Il primo maggio 2018, durante l'F8, la conferenza annula dedicata agli sviluppatori, il numero uno di Menlo Park ha annunciato un nuovo servizio di incontri tra gli utenti, basato sulle dating app. Per farla breve, Facebook diventerà un po' più come Tinder. L'obiettivo, secondo quanto ha detto Zuckerberg, è «unire le persone», partendo da tutti quegli utenti che su Facebook si dichiarano 'single'. Prima di giudicare l'idea (sì, perché si tratta ancora solo di un'idea), è bene fare il punto su tutte quelle dating app alternative a Tinder, già in commercio e rivolte alle donne. Magari il Ceo di Menlo Park ha intenzione di ispirarsi proprio a qualcuna di queste.

BUMBLE

In pochi conoscono Bumble: si tratta di una app sviluppata nel dicembre 2014 che funziona esattamente come Tinder. In Bumble, però, se l'apprezzamento è reciproco, solo le donne possono scrivere il primo 'ciao' entro un tempo massimo di 24 ore, altrimenti la connessione scompare. Agli uomini, invece, viene data la possibilità di estendere un 'match' al giorno per altre 24 ore. Nei suoi primi mesi di vita la startup ha messo in contatto ben 20 milioni di persone. Lo scopo dell'app è spingere la donna a prendere il controllo dell'azione fino a sentirsi più sicura.

PURE

Anche Pure è principalmente rivolta alle donne (ma non esclusivamente) e promette incontri sessuali facili e veloci, evitando i lunghi tempi delle iscrizioni ad altri siti. Per passare subito al sodo, le donne iscritte devono specificare quali sono le proprie preferenze a letto, scegliere se ospitare il partner selezionato a casa o comunque selezionare le persone più attraenti in base a una foto profilo. Per l'iscrizione è sufficiente inserire la propria città, il proprio sesso e lasciare una mail. L'attrazione, ovviamente, dev'essere reciproca e l'utente vedrà soltanto quelle persone che hanno espresso un gradimento nei suoi confronti. Proprio per questo Pure si caratterizza in positivo per la capacità di garantire una certa privacy ai suoi iscritti.

LULU

Lulu, invece, è un'applicazione che dà la possibilità agli utenti di sesso femminile di Facebook di dare valutazioni positive o negative agli utenti di sesso maschile, in base al loro appeal sessuale. L'applicazione permette solo alle donne di accedere al sistema di valutazione e postare le foto degli uomini, scrivere recensioni e elencare pregi e difetti del loro carattere, del loro stile e del senso dell'umorismo. Si tratta di «una rete privata che consente alle ragazze di esprimere e condividere le proprie opinioni apertamente». L'applicazione è stata molto discussa e le funzionalità offerte da Lulu sono spesso descritte negativamente come «sessiste e oggettivanti, non consensuali e superficiali».

HER

Un'app appositamente riservata alle donne che cercano altre donne è Her: in pratica un'applicazione per incontri lesbo. Le caratteristiche principali sono la geolocalizzazione con l'elenco degli eventi riservati a donne lesbiche e bisex nella zona di riferimento e il controllo, molto assiduo, volto a evitare l'intromissione di uomini che cercano di consumare un rapporto a tre.

GLEEDEN

Ci sono anche servizi non proprio convenzionali come Gleeden, il cui sottotitolo è «Il primo sito di incontri extraconiugali pensato dalle donne» e che si rivolge alle donne. È completamente gratuito per gli utenti di sesso femminile che possono recensire gli uomini iscritti. Inoltre si possono chiedere consigli agli esperti della app, selezionato da un team composto esclusivamente da donne. Ma non è finita qui. Lo staff di Gleeden ci tiene a precisare che i proprio valori sono la sicurezza, l'anonimato, la qualità e la libertà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso