Scandalo Weinstein

Scandalo Weinstein

2 Maggio Mag 2018 1258 02 maggio 2018

Alexandra Canosa e Ashley Judd hanno fatto causa ad Harvey Weinstein

La produttrice e l'attrice di Hollywood hanno denunciato l'ex Miramax per molestie e violenze sessuali. Ma non solo.

  • ...
Alexandra Canosa Ashley Judd Harvey Weinstein Denuncia Molestie Sessuali

Lo scandalo Weinstein è sempre in aggiornamento. Dal 5 ottobre 2017, decine, se non centinaia, di addetti ai lavori dell'industria cinematografica hanno denunciato il produttore americano per molestie e violenze sessuali. Molto spesso, però, le accuse sono state fatte esclusivamente sui giornali e non nelle sedi opportune. Il motivo? In diverse occasioni, l'ex Miramax ha fatto accordi privati con le vittime in cambio del loro silenzio, cosa che non ha permesso loro di poter ricorrere alle vie legali. Non sempre, però, questo tipo di compromesso è stato firmato o comunque accettato dalle donne che hanno subito gli abusi. Recentemente, sia la produttrice Alexandra Canosa che l'attrice Ashley Judd hanno fatto causa ad Harvey Weinstein per due casi distinti di molestie e violenze sessuali.

ALEXANDRA CANOSA CONTRO HARVEY WEINSTEIN

Entrambe le donne fanno parte del sistema Hollywood anche se, forse, la prima è meno conosciuta visto che non lavora direttamente sul set o comunque davanti a una telecamera. Alexandra Canosa, infatti, è una produttrice che ha avuto a che fare con Harvey Weinstein molte volte durante la sua carriera. Secondo la sua versione, avrebbe subito violenze sessuali a partire dal 12 agosto 2010 (dopo un incontro al Tribeca Grand Hotel) che si sarebbero poi concluse a settembre 2017. I due si conoscevano bene e, secondo quanto riportano i legali del produttore, oltre a essere colleghi, erano anche amici. L'ultimo lavoro svolto insieme è stato Marco Polo, serie tv Netflix, andata in onda dal 2014 al 2016 e nella quale hanno recitato anche due attori italiani: Lorenzo Richelmy e Pierfrancesco Favino.

LA DENUNCIA DI ASHLEY JUDD

Oltre alla denuncia della produttrice, presentata lunedì 30 aprile 2018, è seguita quella dell'attrice Ashley Judd. Il suo, però, è un caso molto diverso. Secondo quanto raccontato dalla star de Il Collezionista, dopo aver rifiutato le avances di Harvey Weinstein, il produttore avrebbe tentato di danneggiare la carriera della Judd in varie occasioni. Proprio per questo l'attrice ha intenzione di portarlo in tribunale per diffamazione, molestie sessuali, e violazione della legge californiana sulla concorrenza sleale. Secondo indiscrezioni non confermate il regista Peter Jackson, a dicembre 2017, avrebbe detto che, mentre stava valutando Ashley Judd per un possibile ruolo nella serie di film de Il Signore degli Anelli, Weinstein gli avrebbe detto che lavorare con lei era un «incubo». Il produttore, però, ha negato di aver ostacolato la carriera dell'attrice specificando di non avere mai avuto un ruolo decisivo nelle scelte del cast.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso