Me Too Times Up

#MeToo

29 Aprile Apr 2018 1217 29 aprile 2018

L'Accademia svedese, l'ente che assegna il Nobel per la Letteratura, non può più avere nuovi membri

Con le 'dimissioni' di Sara Stridsberg non c'è più il quorum per certe decisioni. Ma il suo è solo l'ultimo di una lunga serie di addii, tutti legati a un caso di molestie sessuali del 2017.

  • ...
Sara Stridsberg Accademia Svedese Nobel Letteratura Molestie Sessuali

Dall'ottobre 2018, abbiamo visto come lo scandalo Weinstein e il movimento #MeToo abbiano travolto principalmente lo showbusiness, in particolare il mondo del cinema. Ma non è così. Anche se con meno interesse mediatico, le denunce di molestie e violenze sessuali hanno colpito anche il mondo della politica, delle Ong, la Silicon Valley e le istituzioni. Tra queste ultime, al primo posto c'è sicuramente l'Accademia svedese, ovvero l'ente che assegna ogni anno il premio Nobel per la Letteratura. A causa di uno scandalo di molestie sessuali, denunciato proprio da #MeToo, che aveva come protagonista il fotografo franco-svedese Jean-Claude Arnault, marito della poetessa Katarina Frostenson che dal 1992 è un membro dell’Accademia svedese, ben quattro persone si sono 'dimesse' tra il 6 e il 12 aprile 2018. Il 27, però, se n'è aggiunta una quinta: Sara Stridsberg che già in passato aveva minacciato di andarsene. E questo è un grande problema perché, ora, secondo il regolamento interno dell'ente, non si possono più nominare nuovi membri. In pratica, con la morte dei membri attuali (nominati a vita), cesserebbe di esistere l'Accademia e, con lei, anche il premio Nobel per la Letteratura.

COSA DICE IL REGOLAMENTO INTERNO

La questione è molto complessa. Secondo il regolamento dell'Accademia svedese, i membri sono in tutto 18 e i nuovi possono essere eletti solo in caso di morte di uno dei membri esistenti e soltanto con un quorum di 12 membri. Facciamo un rapido calcolo. Togliamo i quattro che si sono 'dimessi' (in realtà, formalmente, non possono dimettersi perché sono nominati a vita, ma possono comunque scegliere di seguire o meno i lavori) ed eliminiamo anche Sara Stridsberg: il totale è 13. Peccato che nel 2015 la scrittrice Lotta Lotass si allontanò per ragioni personali e la collega Kerstin Ekman smise di partecipare nel 1989 perché l’Accademia non prese posizione contro l’ayatollah Khomeini per la fatwa contro SalmanRushdie. Quindi sono attivi soltanto 11 memri e questo vuol dire che non c'è più il quorum per eleggerne di nuovi. Al momento non cambia niente per il premio Nobel per la Letteratura che può essere assegnato fino a quando ci saranno almeno otto membri.

LA SOLUZIONE PER FAR SOPRAVVIVERE L'ACCADEMIA SVEDESE

Ma non tutto è perduto: secondo Il Post, il re di Svezia Carlo XVI Gustavo vorrebbe intervenire direttamente per cambiare le regole dell’Accademia, rendendo possibile la nomina di nuovi membri. Una mossa che salverebbe l'ente fondato nel 1786 da Gustavo III, l'allora sovrano del Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso