20 Aprile Apr 2018 1752 20 aprile 2018

Giornata mondiale della marijuana: le cinque donne più importanti del settore

Il mercato della cannabis sativa è cambiato molto negli ultimi anni e, forse, il merito è anche loro.

  • ...
Cannabis Giornata Mondiale Marijuana

Il business della marijuana è storicamente legato alla coltivazione della pianta femmina e al consumo delle sostanze che derivano dal suo fiore, ovvero thc (uso ricreativo) e cbd (uso medico). Ma dal 2016 il mercato della cannabis è cambiato molto, specialmente in America, dove molti Stati hanno legalizzato il consumo di erba. Ma la novità non è questa. Intorno alla marijuana si è sviluppato un lifestyle che ha creato delle nuove opportunità imprenditoriali legate non solo alla coltivazione e alla medicina ma anche alla moda, alla bellezza, all'editoria e al design. Proprio per questo, il giornale americano Herb.co ha selezionato cinque donne che hanno contribuito a far crescere il settore. Conosciamole meglio nella Giornata mondiale della marijuana.

MEOWY

Meowy è una coltivatrice autodidatta. Ha imparato tutto da sola, leggendo libri specializzati e provando e riprovando direttamente sul campo. Ha iniziato a dedicarsi alla marijuana quando era ancora una studentessa di psicologia con il sogno di diventare una fotografa. Archiviati i desideri di gioventù, da sei anni Meowy fa la badante nel Maine e, in contemporanea, insieme alla sua compagna, coltiva la cannabis. E, possiamo dire, è una delle imprenditrici più famose dello Stato americano ed è anche un modello per le altre donne che entrare nell'industria della cannabis.

SHANEL LINDSAY

Dal Maine, spostiamoci nel Massachussets. Shanel Lindsay è una avvocata di Boston ma anche un'attivista e un'imprenditrice del settore della marijuana. Nel 2013, ha inventato il decarbossilatore Ardent, una piccola e graziosa macchina che permette all'erbaccia di essere 'decarbossilata' in modo che sia commestibile o possa essere trasformata in tintura. Ma non è finita qui. Shanel Lindsay ès tata uno dei membri del Consiglio consultivo del Massachusetts che ha redatto la legge sulla legalizzazione nello Stato, approvata nel novembre 2016.

AMBER E. SENTER

In California, invece, Amber E. Senter è la cofondatrice di Supernova Women, un'associazione senza fini di lucro che ha lo scopo di aiutare i cittadini afroamericani che desiderano entrare a far parte dell'industria della cannabis legale. La Senter è entrata nel giro della marijuana nel 2009 come blogger per poi diventare una popolare imprenditrice dopo che, nel 2013, è stata costretta a trasferirsi da Chicago alla Bay Area per colpa di una malattia. Dopo cinque anni, vive e lavora ancora là.

JODIE EMERY

Lasciamo gli Usa e andiamo a Nord per conoscere la canadese Jodie Emery, attivista della cannabis e moglie di Marc Emery, soprannominato 'il principe dell'erba'. Il motivo? Fondarono Cannabis Culture, una rivista di infestanti in cui Jodie era la caporedattrice. Nel corso degli anni, il magazine crebbe: nacque una una piattaforma video, Pot TV, e un franchising di dispensari e negozi. Jodie Emery è stata coinvolta anche in politica. Corse due volte in carica per il British Marijuana Party della British Columbia e poi nel 2009 e nel 2013 sischierò con il Green Party.

CHANDA MACIAS

Ultima ma non ultima, Chanda Macias, scienziata e amministratrice delegata e fondatrice del più famoso dispensario di cannabis medica di Washington DC. In passato, alla Howard University, ha conseguito un dottorato di ricerca in biologia cellulare e ha iniziato a esplorare i benefici medici della marijuana. Ma non è finita qui: Chanda Macias è anche una guida per molte donne del settore, in quanto presidente di Women Grow, organizzazione che aiuta altre imprenditrici a entrare nel business legale dell'erba.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso