Me Too Times Up

#MeToo

11 Aprile Apr 2018 1859 11 aprile 2018

La storia di Gao Yan è il grido di battaglia di #MeToo in Cina

Nel 1998, la giovane studentessa è stata stuprata da un professore e poi si è tolta la vita. A 20 anni di distanza, è diventata il simbolo del movimento.

  • ...
Cina Metoo Gao Yan

Quando pensiamo a #MeToo, non dobbiamo necessariamente collegarlo soltanto a storie di denunce recenti. Le storie di Asia Argento e Miriana Trevisan sono un esempio calzante. La forza di questo movimento sta proprio nel denunciare le molestie e le violenze sessuali subite, indipendentemente da quando sono avvenute. È un diritto, un dovere e un'opportunità allo stesso tempo. E riguarda tutte le donne del mondo, senza limiti geografici. E proprio una storia (drammatica) del passato sta facendo di nuovo riflettere la Cina sulla prevenzione degli abusi. In occasione dei 20 anni dalla morte della studentessa Gao Yan, suicida dopo aver subito una violenza sessuale da un suo professore (secondo la versione di amici e parenti), molti attivisti non solo l'hanno ricordata ma hanno chiesto al governo delle misure più concrete. La risposta dell'esecutivo è stata piuttosto chiara: secondo il New York Times, avrebbero censurato tutti i post e messaggi pubblici di milioni di utenti che facevano riferimento alla triste storia di Gao Yan. Incluse tutte le accuse mosse contro il professore.

LA STORIA DI GAO YAN E LE CONSEGUENZE NEL 2018

In occasione dei 20 anni dalla morte della studentessa, i suoi compagni di classe di allora hanno pubblicato i loro ricordi, raccontando che Gao Yan aveva detto loro che un professore dell'Università di Pechino, Shen Yang, la costrinse a fare sesso nel 1998. Avrebbe detto loro anche che il signor Shen, all'epoca, diffuse la voce che la studentessa aveva una malattia mentale, probabilmente per screditare un'eventuale denuncia della giovane donna. Ma nel 2018 questa storia fa ancora rumore, dato che è stata presa come simbolo di lotta da molte attiviste che combattono le molestie e le violenze sessuali. Tanto che diverse università, negli ultimi giorni, hanno condannato il signor Shen che attualmente insegna all'Università di Nanjing, nella Cina orientale. L'Università di Pechino, dove il professore accusato ha insegnato fino al 2011, ha promesso che farà di più per prevenire gli abusi, attuando la 'tolleranza zero' per le violazioni dei diritti degli studenti e delle studentesse. L'università ha anche ammesso di aver dato un avvertimento a Shen per sospetto di comportamento inappropriato dopo che la polizia ha indagato sul caso nel 1998. Ovviamente, il professore ha sempre respinto le accuse.

OLTRE IL CASO SPECIFICO

Quello di Gao Yan è un caso emblematico, certo, ma non è un episodio isolato. Di abusi, dentro e fuori le Università, ci sono e ce ne sono stati tanti in passato. Ma ora c'è una piccola differenza. Zhang Yiwu, professore di lingua e letteratura cinese all'Università di Pechino, ha affermato che l'ascesa del movimento #MeToo negli Stati Uniti ha spinto la Cina ad affrontare il problema: «Non eravamo a conoscenza delle molestie sessuali. Ora conosciamo meglio questo problema. Stiamo imparando dagli americani».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso