30 Marzo Mar 2018 1301 30 marzo 2018

Contro gli stereotipi di genere sul lavoro: la missione di InspirinGirls

Non esistono mestieri per soli uomini: il progetto per far conoscere alle studentesse delle scuole medie delle donne di successo.

  • ...
Inspiringirls Stereotipi Genere Lavoro

C'è ancora molto lavoro da fare per far capire alle donne di domani e alla società di oggi che il mondo del lavoro non è (o non dovrebbe essere) organizzato secondo schemi di genere. E il progetto internazionale InspirinGirls si pone proprio questo obiettivo: abbattere i confini degli stereotipi e far capire che possono esistere ingegnere, scienziate e architette, così come oggi esistono maestre, segretarie e infermiere.

INTERVENTO PRECOCE

Il progetto è stato fondato da Miriam Gonzalez e, a oggi, è attivo in Italia, in Serbia, in Spagna, in Cile, in Brasile e in Messico. Si rivolge alle giovanissime che frequentano le scuole medie, dunque in quella fascia d'età che va dagli 11 ai 14 anni. Una fascia d'età che non è stata scelta a caso, ma con la consapevolezza che è in quegli anni che le donne del domani cominciano a pensare a che percorso professionale intraprendere. E per questo è importante intervenire portando alla loro attenzione esempi reali che contraddicono gli stereotipi di genere.

MODELLI DA IMITARE

È questo il momento in cui il progetto schiera donne di successo che hanno costruito la propria carriera in ambiti percepiti come 'non femminili'. Raccontando le loro esperienze, dimostrano alle giovani studentesse che il loro futuro presenta molte più strade da percorrere e imboccare. L'indagine condotta da Ipsos nell'ambito del progetto, promosso anche da Valore D, ha infatti rivelato come quattro ragazze su cinque siano convinte che badare alla famiglia sia compito delle donne. Le famiglie hanno il loro impatto su queste decisioni, visto che hanno idee analoghe sulla divisione dei ruoli basata sul genere. Anche grazie a InspirinGirls, le cose potrebbero finalmente cambiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso