27 Marzo Mar 2018 1218 27 marzo 2018

La Casa delle donne di Viareggio è a rischio: l'appello delle cantanti italiane

Da Fiorella Mannoia a Emma Marrone, le artiste di Amiche in Arena unite in difesa dell’unico centro antiviolenza di tutta la Versilia, che potrebbe chiudere.

  • ...
Emma Marrone

Loredana Bertè, Emma Marrone, Fiorella Mannoia, Noemi, Antonella Lo Coco, Alessandra Amoroso, Elisa: le cantanti italiane unite contro la violenza sulle donne. Perché se dalla violenza ci si può salvare, non lo si può fare senza gli strumenti necessari per essere aiutate. Uno di questi è la Casa delle Donne di Viareggio, che ospita al suo interno l’unico Centro antiviolenza di tutta la Versilia, una struttura storica in Toscana. Che ora è a rischio. Perché il Comune di Viareggio, senza un confronto con l’associazione, ha deciso di mettere in vendita l’immobile. Senza mettere sul piatto nessuna alternativa, non dialogando con l’associazione, e lasciando così centinaia di donne nell’incertezza e nella paura di non poter avere più un sostegno.

HA AIUTATO 1700 DONNE

Aperta nel 1996, dal 2001 ha accolto e sostenuto il percorso di oltre 1700 donne, grazie al lavoro delle operatrici volontarie, e solo nel 2017 ne ha sostenute 170.
La Casa si trova in Pineta, a Viareggio, ed è il punto di riferimento da quasi 22 anni per quelle centinaia di donne che ogni anno si rivolgono al Centro per ricevere un sostegno gratuito e costante, un luogo protetto in cui iniziare un lavoro su loro stesse.

L'APPELLO SU TWITTER

Emma Marrone, Noemi e le altre si sono unite per sostenere la struttura: «Il Comune ancora non ha un'altra sistemazione e non possiamo permettere che la Versilia resti senza un punto di riferimento lasciando così 150 mila donne sole. È assurdo che da una parte c’è chi aiuta e cerca di costruire qualcosa di utile alla società e dall’altra parte c’è chi toglie. Per questo unitevi ancora una volta alle Amiche in Arena per dire a voce alta: #LaCasaDelleDonnediViareggioNonSiTocca».
Con l’evento Amiche in Arena, nel 2016, erano stati dati 15 mila euro in beneficenza alla struttura per incoraggiarla e sostenerla in tutte le iniziative.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso