We Can Do It!

Diritti

15 Marzo Mar 2018 1155 15 marzo 2018 Aggiornato il 16 marzo 2018

Chi era Marielle Franco, l'attivista assassinata in Brasile

Aveva 38 anni ed era consigliera comunale di Rio de Janeiro. È stata uccisa mentre stava tornando, in auto, da una manifestazione per la difesa dei diritti delle donne di colore.

  • ...
Marielle Franco

Stava tornando da una manifestazione per i diritti delle donne di colore, a Rio de Janiero, quando Marielle Franco è stata uccisa. Era un'attivista del Partito socialista e della libertà ed era anche consigliera comunale della città. Non si sa di precisio chi sia stato ad ammazzarla ma è già stata aperta un'indagine. Secondo una prima ricostruzione, un'auto avrebbe affiancato la macchina di Marielle Franco e una o più persone avrebbero sparato nella sua direzione, colpendo e uccidendo sia la consigliera, sia l'autista che la stava riaccompagnando a casa. Probabilmente, in Italia, il nome dell'attivista non dice granché ma in Brasile è piuttosto famosa dato che da inizio 2018 stava denunciando l'aumento della violenza della polizia nelle favelas. Ma non si era fermata qui: aveva anche contrastato la decisione del presidente brasiliano Michel Temer di affidare all'esercito la sicurezza di Rio per cercare di contenere l'escalation di criminalità che è in aumento dalla fine delle Olimpiadi del 2016.

LA REAZIONE BRASILIANA E DI AMNESTY INTERNATIONAL

Anche Amnesty international ha chiesto «un'indagine immediata e rigorosa», in modo che «non ci sia dubbi sul contesto, le motivazioni e gli autori dell'assassinio della consigliera comunale». Intanto il Governo brasiliano ha annunciato che chiederà alla polizia federale di dare una mano ai colleghi di Rio nelle indagini. Il governatore di centrodestra dello Stato di Rio, Luiz Fernando Pezao, ha definito il femminicidio una «vigliaccheria estrema», mentre il sindaco della città ha condannato questo «brutale assassinio».

IN MIGLIAIA IN PIAZZA

Un omicidio che ha creato un'ondata di sdegno in tutto il Paese: migliaia di persone sono scese a manifestare in piazza in onore di Marielle. Una folla di persone ha partecipato alla cerimonia funebre in municipio. Migliaia, riportano i media brasiliani, hanno inoltre manifestato in strada a San Paolo e proteste sono state programmate in oltre dieci città del Paese, come Salvador, Recife, Belo Horizonte e Belem. La protesta in Italia è stata sostenuta sui canali social di Non Una Di Meno, che il 16 marzo ha organizzato una manifestazione a Milano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso