17 Gennaio Gen 2018 1635 17 gennaio 2018

Molestie, le sculacciate in ufficio non sono reato

Delle pacche sul sedere davanti ai colleghi, da un superiore a un'impiegata che ha portato il fatto in tribunale, ma il gip ha archiviato il caso: «Lo spirito era goliardico».

  • ...
Molestie Lavoro

Immaginate di essere in ufficio, e mentre state lavorando, di sentire la mano del vostro superiore sul vostro sedere per tre volte. Tre sculacciate, davanti a tutti i vostri colleghi, dicendo: «Muoviti che devi finire quella pratica». Come vi sentireste? E se un tribunale stabilisse che questo gesto non ha nulla a che vedere con un reato, come vi sentireste?

MANI SUL SEDERE E INGIURIE: IL CASO DI VICENZA

A subire il gesto una donna vicentina di 40 anni che, sentendosi comprensibilmente umiliata ha portato il fatto in tribunale senza ricevere supporto dalla legge: quella sculacciata è stata data senza morbosità ma con «spirito goliardico», quindi non sconfina nella violazione penale. Lo ha deciso il gip che ha archiviato - ha riferito Il Giornale di Vicenza - un'inchiesta a carico di un dirigente 38enne accusato di violenza sessuale da un'impiegata, nell'ipotesi lieve delle molestie. La donna, in tre diverse occasioni, aveva ricevuto dal suo diretto responsabile delle pacche sul sedere mentre passava tra le scrivanie. Nell'esposto l'impiegata lo aveva accusato anche di ingiurie, per il modo brusco con cui veniva invitata a svolgere le sue mansioni; ma anche per questo l'accusa è caduta nel nulla, data la depenalizzazione del reato, perseguibile solo per via civile.

ARCHIVIAZIONE ACCOLTA DAL GIUDICE

L'uomo, che dirige l'ufficio amministrativo di una ditta commerciale, si era nel frattempo scusato con l'impiegata, ma a lei non era bastato, e aveva comunque presentato denuncia per violenza, sottolineando di essersi sentita molestata come donna oltre che come lavoratrice. La procura ha raccolto le testimonianze dei colleghi della 40enne, che avrebbero sostanzialmente 'derubricato' a gesto goliardico, seppur eccessivo, le sculacciate, distribuite dal dirigente un po' a tutti i componenti dell'ufficio. Su questa base il pm ha chiesto l'archiviazione, accolta dal giudice, secondo il quale, pur trattandosi di un gesto «generalmente censurabile», non avrebbe presentato in questo caso ipotesi di reato sostenibili in giudizio. Insomma, un bel messaggio da mandare ai dirigenti d'azienda: toccate pure il sedere alle vostre dipendenti, quando vi va: a quanto pare è un vostro diritto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso