11 Gennaio Gen 2018 1042 11 gennaio 2018

La libertà delle donne iraniane mentre si tolgono il velo

La fotografa olandese Marinka Masséus ha raccontato in My Stealthy Freedom tutta la voglia di abbattere i rigidi obblighi femminili che ancora ci sono a Teheran. 

  • ...
Donne Iran Velo Foto

Ha coperto i vetri del suo appartamento con della carta stagnola, per far sì che la luce del flash e le sue modelle non fossero visibili da fuori. Poi, Marinka Masséus, fotografa olandese, ha iniziato a scattare. Ne è nata una serie di immagini intime, buie e colorate allo stesso tempo, dove emerge tutta la voglia delle donne di Teheran di liberarsi dei rigidi obblighi che ancora le vincolano. My Stealthy Freedom, letteralmente 'la mia libertà furtiva', ritrae il momento in cui, protette dalla discrezione domestica, alle iraniane è finalmente concesso togliere chador, burqa e hijab. Un gesto che può sembrare piccolo, ma che in Iran ha un significato di ribellione. Come spiega la Masséus: «Ogni giorno, gli iraniani, specialmente le donne, sfidano coraggiosamente il regime attraverso continui atti di protesta. Come indossare lo hjiab troppo corto, troppo colorato, o i pantaloni troppo stretti. Sono simboli di coraggio, che stanno lentamente portando a un risultato». Dalla fine di dicembre 2017, e nei primi giorni di gennaio, si è parlato molto delle manifestazioni che hanno animato le strade di diverse città del Paese sotto il governo di Hassan Rouhani. Paese che ancora vieta alle donne, cittadine e straniere, di presentarsi in pubblico senza capo scoperto e che ancora non prevede alcun tipo di punizione per lo stupro all'interno del matrimonio. Progetti come My Stealthy Freedom aiutano a far capire, con la forza delle immagini, quanto ancora ci sia da fare a livello di diritti e parità di genere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso