24 Novembre Nov 2017 1315 24 novembre 2017

Giornata contro la violenza sulle donne: tutti gli eventi del 25 novembre

Da Roma a Milano, passando per tutte le città italiane. Gli appuntamenti in programma per questa giornata. 

  • ...
Giornata Contro La Violenza Sulle Donne 25 Novembre Eventi

Nel 1960 tre sorelle dominicane, le sorelle Mirabal, furono uccise per volere del dittatore Rafael Leonida Trujillo per la loro militanza politica nell'opposizione. Furono prelevate dal veicolo su cui viaggiavano e bastonate fino alla morte. Era il 25 novembre. Quasi 40 anni dopo, nel 1999, l'Assemblea delle Nazioni Unite decise di rendere omaggio al loro sacrificio istituendo la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne. Da allora, sempre più iniziative e campagne vengono portate avanti per sensibilizzare la popolazione mondiale su un argomento ancora così cruciale. Quella 2017, dopo gli scandali che hanno scosso Hollywood e poi ogni altro ambiente lavorativo, si preannuncia una delle edizioni più attese. Per l'occasione, abbiamo raccolto alcuni dei principali eventi in programma nelle città italiane.

IN PROGRAMMA A ROMA

L'attenzione generale va sicuramente a Roma, dove è in programma la manifestazione nazionale Non una di meno. Dopo l'annuncio del movimento di aver stilato un Piano contro la violenza, è prevista una grande affluenza al corteo in partenza dalle 14.00 da Piazza della Repubblica. Dopo aver organizzato la mobilitazione dello scorso 8 marzo, si punta a muovere lo stesso livello di sensibilizzazione. Non una di meno nacque come organizzazione a livello mondiale dopo l'omicidio di Susana Chavez nel 2011. La poetessa messicana fu uccisa nella sua città natale, Ciudad Juarez, tristemente nota per l'altissimo numero di femminicidi e stupri che la segnano ogni anno. «Ni una mujer menos, ni una muerta más», era solita dire la Chavez nelle sue lotte contro la violenza.

IN PROGRAMMA A MILANO

Milano ha in programma diversi appuntamenti, non solo per sabato 25 novembre, ma anche per i giorni successivi. Vengono inaugurati nuovi spazi e simboli per rendere omaggio e ricordare le vittime di violenza. Nel Parco Sempione, di fronte alla biblioteca, e in Piazza Castello è prevista la posa delle 'panchine rosse', iniziativa lanciata da Gli Stati Generali delle Donne in tutti i comuni italiani. Poi, un nuovo Walls of Dolls si aggiunge a quello già presente in via De Amicis, questa volta alla Casa Alda Merini. Da segnare due momenti della giornata: alle 15.00, Piazza della Scala fa da sfondo a Le Sedie, performance teatrale ideata dalla regista Donatella Massimilla. Prima dell'inizio, saranno letti tutti i nomi delle vittime di femminicidio dall'inizio del 2017 al 25 novembre. Poco dopo, allle 18.00, ci si sposta in Piazza del Duomo per un flashmob cittadino.

#ORANGETHEWORLD

Nell'insieme delle varie iniziative, la campagna #OrangeTheWorld punta a colorare d'arancione tutti i più importanti monumenti mondiali e le piazze cittadine. Un colore vivace, brillante, a simboleggiare la voglia di un futuro positivo e senza più alcun tipo di violenza. Lanciata nel 2008 dalle Nazioni Unite, l'iniziativa «UNiTE to End Violence against Women» è stata accolta, anche per il 2017, da diversi Comuni italiani. La Reggia di Caserta, il Maschio Angioino a Napoli, Palazzo Marino a Milano e la statua del Ratto delle Sabine a Firenze saranno tutte illuminate in concomitanza col 25 novembre. Ma l'elenco completo sarebbe lunghissimo: da Grosseto a Perugia, da Matera a Venezia, lungo tutta la Penisola. Un modo suggestivo per sensibilizzare sul tema.

POSTO OCCUPATO

Altra iniziativa nazionale è Posto Occupato, nata nel 2013 per volere di Maria Andaloro. La campagna punta a lasciare una sedia, una panchina, un sedile di un treno vuoto per simboleggiare le vittime di femminicidio che non potranno mai più occuparlo. A Cagliari, è stato tenuto un posto vuoto durante il Consiglio comunale di martedì 21 novembre. Queste le parole usate per spiegare la scelta: «Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Uno dei banchi dell'Aula è appunto riservato a tutte loro, per far riflettere e sensibilizzare tutti rispetto alla violenza di genere». Simili manifestazioni sono previste a Torino, Sondrio, Piombino (LI), Parma e Messina. A Milano, ATM aderisce lasciando un posto vuoto (e idealmente occupato da ogni donna vittima di violenza) su tutti gli autobus della Linea 94 in servizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso