10 Novembre Nov 2017 1312 10 novembre 2017

Chi è Portia De Rossi, l'attrice che accusa di molestie Steven Seagal

«Dopo essersi seduto accanto a me si tirò giù la zip dei pantaloni». La testimonianza è dello storico volto di Ally McBeal e moglie della comica americana Ellen DeGeneres.

  • ...
Portia De Rossi

Di nuovo un'accusa di molestie a Hollywood. L'ennesima. Questa volta a finire nei guai sarebbe Steven Seagal, attore e produttore cinematografico classe 1952. A raccontare un episodio del passato è la modella e attrice Portia De Rossi, storico volto di Ally McBeal, e moglie della comica americana Ellen DeGeneres.
«La mia ultima audizione per un film di Steven Seagal si svolse nel suo ufficio», ha raccontato lei su Twitter. «Mi disse quanto fosse importante avere chimica sullo schermo, e dopo essersi seduto accanto a me si tirò giù la zip dei pantaloni. Io scappai via e chiamai la mia agente, che impassibile mi disse: 'Beh, non sapevo se fosse o meno il tuo tipo'». Una confessione choc che si aggiunge a centinaia di altre voci che si sono alzate con lo scandalo Weinstein. Il racconto della De Rossi è stato condiviso su Twitter dalla moglie che ha commentato: «Sono orgogliosa di mia moglie».

Nome: Portia De Rossi

Vero nome: Amanda Lee Rogers: decise di cambiare nome a 15 anni dopo aver letto Il mercante di Venezia (prese il nome dall'omonimo personaggio)

Data di nascita: 31 gennaio 1973, a Melbourne

Professione: modella, attrice e scrittrice

Orientamento sessuale: lesbica. Ha fatto coming out nel 2005

Matrimonio: è sposata con Ellen DeGeneres, celebre comica statunitense, da nove anni. Stanno insieme da 13. Furono tra le prime a convolare a nozze quando la California ha dato il via libera alle unioni tra omosessuali.

Ruoli: è diventata celebre dal 1998, quando entra nel cast di Ally McBeal nella parte dell'avvocato Porter. Ha lavorato nella serie fino al 2002, ultimo anno.

Figli: Portia e Ellen non ne vogliono: «Ne abbiamo parlato per un minuto al quarto anno del nostro rapporto», ha rivelato la moglie, «ma poi abbiamo deciso che ci piacevano le nostre conversazioni senza interruzioni e i mobili senza succo d'uva appicciato sopra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso