30 Ottobre Ott 2017 1309 30 ottobre 2017

Tanti auguri a Ivanka Trump che compie 36 anni

La figlia di Donald festeggia per la prima volta alla Casa Bianca. La sua vita a fianco del Presidente, fra bon ton e scivoloni. 

  • ...
compleanno Ivanka Trump 36 anni

La fine di ottobre è uno dei periodi preferiti degli americani, che per Halloween impazziscono. Alla Casa Bianca, quest’anno, oltre al tradizionale dolcetto o scherzetto cade un’altra festa: il compleanno della first daughter Ivanka Trump. La secondogenita, e preferita, di Donald compie 36 anni il 30 ottobre. Da quando il padre si è insediato nello Studio Ovale, è lei quella in cui ha riposto maggior fiducia. L’abbiamo trovata spesso al suo fianco, se non addirittura al suo posto, in molte occasione pubbliche ed è la sua più fidata consigliera. Ha preso sin da subito la candidatura del padre molto seriamente, facendo forza sulla sua preparazione, si è laureata alla Warthon School all'Università della Pennsylvania, e la sua aria da tipica-ragazza-americana per conquistare gli elettori. Ma come festeggerà ora che ogni sua mossa è sotto i riflettori? Intanto, vediamo come è cambiata la sua vita a quasi 12 mesi dalla vittoria del tycoon.

L'AMICIZA CON CHELSEA CLINTON

Non è una mistero che Ivanka Trump e Chelsea Clinton fossero, e siano tutt'ora, in teoria, grandi amiche. Durante la corsa alla Casa Bianca i loro genitori hanno dovuto fronteggiarsi uno contro l'altro, in un testa a testa che non ha potuto evitare colpi bassi e accuse reciproche molto pesanti. Già all'inizio della campagna, la secondogenita di casa Trump aveva dichiarato in un'intervista a People: «L'amicizia è sempre più importante della politica. Con Chelsea restiamo amiche, anche se in questo momento c'è una grandissima pressione su di noi». E se in passato le loro vite sono corse su binari paralleli, chissà se questo compleanno lo festeggeranno insieme.

GLI SCIVOLONI DIPLOMATICI

Poco dopo la vittoria di Donald alle elezioni, Ivanka Trump era stata criticata per la sua presenza durante un meeting fra il neo Presidente e il suo corrispettivo giapponese, Shinzo Abe. L'incontro avvenne a metà novembre 2016, quindi ben prima dell'insediamento ufficiale alla Casa Bianca, ma quando il tycoon aveva la carica già per le mani. Fu definito informale, ma la presenza della figlia non passò inosservata. Molti gridarono al conflitto di interessi, visto che Ivanka ricopre a tutti gli effetti il ruolo di portavoce della compagnia di famiglia, la Trump Organisation. Difficile non vedere nella sua partecipazione a simili incontri, dei possibili doppi fini. Poco giorni prima, fra l'altro, era stata boicottata la sua linea di gioielli, Metropolis. La colpa di Ivanka Trump era stata quella di averla promossa in modo fin troppo smaccato durante un'intervista del padre al programma 60 Minutes della Cbs.

LA MODA LOW COST

Dopo questi scivoloni iniziali, però, Ivanka ha imparato la lezione e ha deciso di rimendiare agli errori passati. Durante il minuto di silenzio osservato alla Casa Bianca in memoria delle vittime della strage di Las Vegas, avvenuta l'1 ottobre 2017, ha indossato dei semplici capi Zara. Il messaggio era chiaro: spending review presidenziale in atto. Ivanka Trump ha affiancato Donald e Melania, anche lei spesso criticata per il prezzo delle sue mise, indossando un maglioncino color senape da meno di 25 dollari, e una gonna in tweed da 45. Un drastico taglio di budget che dovrebbe farla apprezzare di più agli elettori. Del resto, i tagli al guardaroba sono diventati una prassi molto frequenti fra le famiglie più potenti del mondo. Kate Middleton, per esempio, è famosa per i suo vestiti a basso prezzo. La mente dietro l'armadio di Ivanka pare sia Micaela Erlanger, già consigliera di moltissime star hollywoodiane come Meryl Streep.

IL VISO PIÙ DESIDERATO D'AMERICA

Dopo essere diventata first daughter, Ivanka Trump è diventata (letteralmente) il viso più desiderato d'America. È notizia di settembre 2017 che i suoi lineamenti, insieme a quelli di matrigna Melania, siano fra i più richiesti negli studi chirurgici d'Oltreoceano. I suoi tratti distintivi? Zigomi alti e pieni, nasino alla francese e arcate sopraccigliari sempre tese verso l'alto. E se neanche lei è estranea a bisturi e ritocchini, anche lei passò sotto le mani di qualche esperto dottore, sicuramente la sua bellezza era apprezzata ben prima che arrivasse a Washington. Nel curriculum, infatti, vanta un passato da modella e diverse apparizioni televisive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso