10 Ottobre Ott 2017 1441 10 ottobre 2017

Ivana, ex moglie di Trump, si definisce 'First Lady': Melania risponde

Lo ha detto in un'intervista: dal primo matrimonio, il diritto al titolo presidenziale. Dalla Casa Bianca un commento al vetriolo.

  • ...
Melania Trump

Di solito dopo un'elezione si denunciano brogli elettorali, errori di conteggio, si discutono le percentuali di affluenza alle urne. Alla fine, però, un risultato si ottiene sempre e uno dei candidati ha la meglio sugli altri. Il testa a testa fra Hillary Clinton e Donald Trump, per esempio, è andato più o meno così. Come sia finito, poi, lo sappiamo purtroppo tutti. E se è impossibile non sapere chi è il nuovo Potus americano, forse stabilire chi sia la vera First Lady non è altrettanto semplice. E mentre la Casa Bianca passa da una bufera all'altra (Russiagate, i cambi di staff, le manifestazioni anti razzismo), anche le donne di Donald non si risparmiano dal sollevare qualche polverone.
Questa volta a far discutere è il botta risposta avvenuto fra Ivana, prima moglie del tycoon, madre dei suoi tre figli maggiori, e Melania, attuale moglie e mamma del piccolo BarRon. L'ex modella ceca (l'altra è slovacca, per chi si confondesse), ha affermato durante un'intervista di avere diritto al titolo, in quanto «first wife» del magnate. Una frecciatina che a Melania Trump non è proprio piaciuta, e che la sua portavoce ha subito commentato con parole di ghiaccio: «La signora Trump ha reso la Casa Bianca la dimora di Barron e del Presidente. Ama vivere a Washington, ed è onorata di ricoprire il suo ruolo. Prevede di usare il suo titolo per aiutare i bambini, non per vendere libri».
Il riferimento, per nulla velato, è alla campagna promozionale che Ivana Trump (se ha ancora senso chiamarla col cognome del suo ex marito) sta portando avanti per il suo nuovo libro-confessione, Risin Trump, incentrato sul divorzio fra lei e The Donald.

MELANIA, FIRST E UNICA LADY

Di solito nelle famiglie allargate si litiga per gelosia, ma in questo caso la posta è decisamente più alta. Del resto, è difficile credere che le due donne avrebbero potuto litigare per l'amore di Donald. Ha più senso contendersi il titolo presidenziale. In ogni caso, lasciamo questo onore a Melania, dopo che ha dovuto sopportare e supportare il marito nella sua folle campagna elettorale e in questi primi mesi di mandato. Una piega, quella istituzionale, che probabilmente non si augurava per lei e suo figlio, e che scommettiamo non era così desiderosa di vedersi capitare fra capo e collo. Le sue espressioni durante la cerimonia di insediamento erano inequivocabili. E se il botox avrà certo contribuito a rendere il suo viso imperscrutabile e insondabile, non ci vuole una laurea in psicologia per capire che non era felice della vittoria del tycoon. Quindi, Ivana, resta al tuo posto. Ci basta una sola Signora Trump alla Casa Bianca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso