Femminicidio

Femminicidio

26 Settembre Set 2017 1807 26 settembre 2017

Omicidio Nadia Orlando: Francesco Mazzega ai domiciliari dai genitori

Il primo agosto il 36enne si è consegnato alla polizia. In macchina c'era il cadavere della fidanzata che aveva strangolato la sera prima. Il  giudice ha stabilito per lui la residenza obbligatoria nella sua casa di Muzzana del Turgnano. 

  • ...
Mani In Carcere

«La mia vita è finita, speravo si fosse solo assopita». Con queste parole il primo agosto 2017 il friulano Francesco Mazzega, 36 anni, si è consegnato alla Polizia stradale di Palmanova. La sera prima, in un litigio, aveva strangolato la 21enne Nadia Orlando e per 11 ore aveva vagato con il cadavere in macchina. C’era stato il pensiero di fuggire oltre confine, in Slovenia, poi, invece, la decisione di fare dietrofront e confessare.

A CASA DAI GENITORI

Nemmeno due mesi dopo, il 26 settembre, il giovane è stato rilasciato dal carcere di Pordenone. Per lui il tribunale del riesame di Trieste ha infatti disposto gli arresti domiciliari, nella casa dei suoi genitori a Muzzana del Turgnano, con il braccialetto elettronico incaricato di controllare i suoi spostamenti. Una decisione che il paese della ragazza, Vidulis di Dignano, non condivide e per questo continua la raccolta delle firme contro la scarcerazione del giovane. Intanto anche la Procura della Repubblica di Udine ha fatto ricorso in Cassazione.

UNA PERSONA DI CUI 'FIDARSI'

Il giudice che ha stabilito l’uscita di Mazzega è consapevole della sua «pericolosità allarmante»: dopo il tremendo litigio e averle messo le mani al collo, Francesco non era andato in ospedale e non aveva chiamato nessuno. Anzi, aveva subito spento i cellulari di entrambi. Che si fosse addormentata non l’ha mai pensato, viene da concludere. Ma siccome «è un soggetto incensurato, ben inserito nella società e con un lavoro stabile, che finora ha tenuto una condotta irreprensibile», del 36enne ci si può fidare, ha concluso la sentenza. Chissà se si fidava anche Nadia di quel ragazzo di 14 anni più grande che lavorava insieme a lei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso