8 Maggio Mag 2017 1245 08 maggio 2017

L'universo dei fiori guida Pitti 92

Il titolo della nuova edizione è Boom Pitti Blooms: la manifestazione di moda maschile evolve sotto il segno della ricerca, tra grandi nomi alla Fortezza e progetti espositivi dall’anima contemporanea.

  • ...
pittiuomo

Il settore del tessile-moda italiano ha chiuso il 2016 in positivo, con una crescita moderata del fatturato che si porta sui 52,9 miliardi di euro (+1%). Un bilancio che risente del tono positivo - ma non brillante - dell'export e del sell-out in Italia che è rimasto ancora in territorio negativo.
A crescere negli spazi e nei numeri c'è Pitti Uomo: l'edizione 92, in programma dal 13 al 16 giugno a Firenze, ha scelto come tema guida del salone Boom Pitti Blooms, i fiori e il concetto del colorato momento della fioritura che anima il mondo della natura. Ma non è solo un concept: la crescita è reale poiché la fiera si presenta come un «Pitti rafforzato», come ha spiegato l'ad Raffaello Napoleone, con «interventi logistici e nuove sezioni».
Questa edizione svela i territori di un salone-mondo in trasformazione, pronto a captare le più attuali vibrazioni della moda e a trasformarle in progetti inediti, che guardano al futuro. Il salone presenta nuovi e più stimolanti tracciati nel suo percorso espositivo: un’accurata ridistribuzione degli spazi, un ampliamento delle sezioni che rappresentano gli stili più contemporanei e di ricerca del menswear oggi, e uno sviluppo delle aree proiettate al futuro del fashion. Ecco allora nuovi tracciati all'interno della fiera, con quattro importanti interventi: Touch si presenta all'ingresso del salone (padiglione Medici), Unconventional raddoppia gli spazi (qui il progetto speciale su sei brand giapponesi), Make con l'artigianato giovane sarà alla Sala della Ronda, Futuro Maschile aggiunge l'Arena Strozzi alla Sala delle Nazioni dove già esponeva. Sono 1.220 i marchi presenti, di cui 540 esteri, in 60 mila metri quadrati espositivi. E una capsule collection alla Rinascente di Milano dal 13 al 19 giugno. Poi gli eventi e le iniziative, realizzate anche grazie al contributo di Ice e del ministero dello Sviluppo Economico, di cui ancora non si conosce l'entità ma dovrebbe essere in linea con la cifra del 2016. Si parte lunedì 12 con la cena di gala ed evento aperto alla città del Centro di Firenze per la Moda Italiana a Palazzo Pitti, dove il giorno successivo inaugurerà la mostra Il museo effimero della moda.
L'edizione 92 di Pitti Immagine Uomo beneficia del contributo straordinario di MiSE e Agenzia ICE, nell'ambito del Piano Triennale 2015-2017 promosso dal ministero dello Sviluppo Economico a sostegno delle fiere italiane e del Made in Italy. Il contributo è dedicato al potenziamento delle attività di ospitalità, media relations e pubblicità.

EVENTI E OSPITI
Poi gli ospiti internazionali in arrivo come special guest: mercoledì 14 giugno a Villa La Pietra sarà la volta del giovane stilista nord-irlandese J.W. Anderson (nel 2008 ha lanciato il suo brand), che presenterà per la prima volta in Italia la collezione uomo P/E '18; giovedì 15 giugno invece sarà la volta di uno dei marchi più in voga del momento, Off-White c/o Virgil Abloh, lanciato nel 2013 e già successo internazionale, che presenterà la collezione uomo P/E '18 insieme ad una pre-collezione donna. A seguire gli special event: per la prima volta in fiera ci sarà il designer francese Christian Louboutin, dal 1992 icona delle calzature di lusso riconoscibili dalla suola rossa, che per presentare la sua linea organizzerà un evento sportivo con 8 squadre e giocatori internazionali; alla Manifattura Tabacchi andrà in scena il fashion show di Hugo (13 giugno), la linea d'avanguardia di Hugo Boss; al museo Bardini il giovane designer Federico Curradi presenterà la linea uomo, mostrando le diverse anime di Firenze, tra artigianato e calcio storico. Infine il 15 giugno al Tepidarium del Roster il giovane brand Alanui, lanciato nel 2016 da Nicolò e Carlotta Oddi, presenterà una speciale installazione per celebrare l'ormai iconico cardigan jacquard in cashmere. Infine il giovane talento giapponese Yoshio Kubo presenterà la sua linea, grazie all'accordo con la Japan fashion Week Organization. Dall'Australia vengono invece otto giovani designer per il progetto Guest Nation, selezionati con Australian Fashion Chambe

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso