20 Gennaio Gen 2017 1901 20 gennaio 2017

Inaugurazione in fumo

Un'associazione ha distribuito migliaia di spinelli di marijuana a Washington, invitando i destinatari ad accenderli durante il discorso di insediamento di Trump.

  • ...
marijuana trump

Il giuramento di Donald Trump come 45esimo presidente degli Stati Uniti è avvenuto sotto la benedizione della... marijuana. Ben 8mila spinelli, infatti, sono stati distribuiti tra la folla che ha assistito al rito con cui il vincitore delle elezioni dell'8 novembre è ufficialmente diventato Presidente degli Usa. L'iniziativa, ça va sans dire, non è stata promossa da Trump, ma da un'associazione che in passato si è battuta senza quartiere (e con successo) per la legalizzazione della marijuana.

PROTESTA NON VIOLENTA
Come spiega il New York Times, dal 2015 a Washington è legale possedere piccole quantità di marijuana ma non fumarla in pubblico. Nikolas Schiller, tra i fondatori dell'associazione Dcmj, ha spiegato che accendere gli spinelli sarebbe stato un modo perfetto per una protesta non violenta.

L'OBIETTIVO NON È TRUMP
Schiller e i suoi collaboratori hanno inoltre suggerito di cominciare a fumare dopo quattro minuti e 20 secondi dall'inizio del discorso inaugurale del Presidente. Un chiaro riferimento al numero 420, cifra magica per gli amanti dell'erba (e c'è un motivo). La protesta, comunque, non è rivolta direttamente a Trump, ma a Jeff Sessions, che potrebbe diventare procuratore generale: Sessions in passato ha affermato che le brave persone non fumano mairjuana. Schiller teme che possa dare il via libera a dei raid contro le riserve e i centri di coltivazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso