19 Gennaio Gen 2017 1606 19 gennaio 2017

L'attivista che fa tremare Maduro

Al punto che la polizia politica del presidente del Venezuela l'ha incarcerata con l'accusa di terrorismo e tentato colpo di stato. Lei, nelle settimane precedenti, aveva denunciato in Europa il calpestamento dei diritti umani.

  • ...
STEICY

La sua colpa più grande: aver chiesto al Parlamento europeo maggiore attenzione alle campagne per i diritti umanitari del Venezuela, il suo Paese d'origine. Dove è tornata per trascorrere le vacanze di Natale, senza sapere che l'11 gennaio sarebbe stata arrestata e reclusa in una delle carceri peggiori di tutto il Paese. È la storia di Steyci Brigitte Escalona Mendoza, attivista accusata di terrorismo e tentato colpo di Stato dalla polizia politica che obbedisce agli ordini del presidente Maduro. PREOCCUPAZIONE PER LA SUA SORTE Come riporta il Corriere della Sera, le amiche di Steicy sono molto preoccupate per la sua sorte. Il carcere di Naguanagua, dove è reclusa, è infatti noto per gli atti di violenza che vengono perpetrati al suo interno. Al momento, Steicy è stata completamente isolata dal mondo esterno. Il suo avvocato ha raccontato al Corriere che le forze dell'ordine non hanno rispettato i diritti della 31enne, impedendole di contattare un legale per 53 ore. Anche la formalizzazione delle accuse avrebbe seguito un processo anomalo rispetto alla procedura prevista. IL PUGNO DI FERRO DI MADURO Il giorno in cui Steicy è stata arrestata, si stava recando in Colombia per acquistare beni essenziali, che in Venezuela sono difficilmente reperibili a causa della crisi economica e dell'inflazione totalmente fuori controllo. Proprio nel corso di quel viaggio è stata fermata e arrestata. Secondo i suoi accusatori, sarebbe colpevole anche di «detenzione di armi e di esplosivi».  Nell'ultimo periodo il presidente Maduro ha affidato al vicepresidente Tareck El Aissami il compito di rinforzare il suo nucleo di potere, dopo che il parlamento è finito nelle mani dell'opposizione. E, a quanto pare, la strategia è quella di fare piazza pulita. Mettendo a tacere quelle voci che si fanno sentire anche a livello internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso