30 Dicembre Dic 2016 1800 30 dicembre 2016

«Sono intersessuale: nulla da nascondere»

Negli Stati Uniti una donna ha ottenuto, per la prima volta nella storia del Paese, un certificato di nascita che riconosce la sua condizione. Ora spera che venga considerata come un genere, e non come una patologia.

  • ...
sara-keenan1

Sara Keelly Keenan ha 55 anni e dagli ultimi giorni del 2016 detiene un record: è, con tutta probabilità, la prima donna statunitense ad avere ottenuto sul certificato di nascita lo status di intersessuale. In altri termini, ha i geni maschili, gli organi genitali femminili e gli organi riproduttivi interni misti. Per ben 40 anni, però, è rimasta all'oscuro della sua condizione.

L'ADOLESCENZA 'DIVERSA'
L'intersessualità non è una condizione così semplice da diagnosticare. Sara, comunque, sapeva fin dall'adolescenza di non essere come le altre ragazze: cresceva particolarmente in fretta, era più forte, più massiccia. A 16 anni, racconta l'Independent, scoprì che non avrebbe mai potuto avere figli e assumere ormoni per evitare che le sue ossa diventassero troppo fragili.

PATOLOGIA O GENERE?
Sul letto di morte, nel 2009, il padre le rivelò che sapeva della sua condizione dagli anni della sua adolescenza e che gliel'aveva tenuta nascosta per non confonderla. In realtà, Sara aveva una vaga consapevolezza della propria condizione. Non sapere, in realtà, le causò diversi problemi psicologici. Inoltre, quando lo scoprì si sentì come se il suo status di intersessuale fosse qualcosa da nascondere e di cui vergognarsi. Attualmente, spiega Sara, l'intersessualità viene trattata come una patologia, ma il prossimo obiettivo è far sì che venga riconosciuta come una condizione di genere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso