26 Agosto Ago 2016 1357 26 agosto 2016

Chi non lavora ha l'anello al dito

Se siete in cerca di un impiego e vi recate ai colloqui indossando la fedina donatavi dal futuro marito, è probabile che il responsabile delle risorse umane vi scarti. Ne è convinto l'esperto Bruce Hurtwitz.

  • ...
close up of a women's hand with a ring on it

Se vi state chiedendo perché gli ultimi colloqui di lavoro che state sostenendo non sono andati a buon fine, la risposta potrebbe essere tra le vostre mani. Intorno al vostro anulare sinistro, per essere precisi. Se siete in procinto di sposarvi e sfoggiate con un certo orgoglio l'anello di fidanzamento che il vostro futuro marito vi ha donato, la cosa potrebbe ritorcersi contro di voi. Ne è convinto Bruce Hurtwitz, esperto di recruiting e risorse umane.

INVIDIE E TIMORI
Hurtwitz ha affidato la sua riflessione a LinkedIn, il social network dedicato al mondo del lavoro. Secondo il recruiter, un datore di lavoro che nota un anello di fidanzamento sarà incline a considerare quella donna come «dispendiosa». Allo stesso modo, un'altra donna in ufficio che indossi un anello simile potrebbe sentirsi minacciata nella sua 'supremazia'.

COSÌ VA IL MONDO
Le considerazioni di Hurtwitz sono state aspramente criticate, anche perché sembrano essere basate su un'idea di donna materialista i cui unici interessi sono i diamanti e il matrimonio. Ma Hurtwitz racconta che il suo consiglio, nel mondo reale, ha trovato riscontro: una sua assistita, dopo una serie di colloqui andati male, ha lasciato l'anello a casa. E in quel caso è stata assunta.

PER GLI UOMINI C'È L'OROLOGIO
Considerazioni sessiste? Forse. Hurtwitz ha spiegato in un secondo post che vorrebbe tanto che le cose andassero in maniera differente, ma che il mondo del lavoro, allo stato attuale delle cose, funziona così. E il suo ragionamento vale anche al maschile: un candidato con un orologio di lusso al polso, suggerirebbe l'idea di un dipendente troppo 'costoso' da assumere. «In un colloquio di lavoro veniamo valutati sulla base del nostro comportamento. E ciò che indossiamo è comportamento», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso