24 Agosto Ago 2016 2003 24 agosto 2016

Amatrice, quel terremoto gemello di quattro secoli fa

Un sisma molto simile a quello del 23 agosto 2016 nel 1639 colpì la stessa zona del terremoti di Rieti. I centro di Amatrice e Accumoli vennero distrutti.

  • ...
Sisma: Amatrice devastata, si tenta salvare sei persone

Quattro secoli dopo, un'altra catastrofe. Ha un gemello che risale al 1639 e una sorta di grande antenato nel 1703, il terremoto di magnitudo 6 che ha devastato il Centro Italia la notte de 23 agosto. Lo hanno detto la direttrice della Struttura Terremoti dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) Daniela Pantosti, e il sismologo Massimo Cocco, nella conferenza stampa organizzata dall'istituto. «Entrambi quei terremoti storici hanno prodotto effetti importanti», ha detto la sismologa. «Quello del 1703», ha proseguito, «è stato un terremoto doppio, che ha colpito sia Norcia sia L'Aquila, anche se è stato molto più forte rispetto a questi, con una magnitudo stimata vicina a 7». Il terremoto del 7 ottobre 1639 «ha colpito la stessa zona del terremoti di Rieti», ha osservato l'esperto. «Sembra proprio il suo gemello», dice la direttrice dell'Ingv, «perché è avvenuto nello stesso posto, con un'energia simile e producendo effetti simili, anche se bisogna tener conto della densità della popolazione dell'epoca e delle dimensioni dei centri abitati di allora».
I morti allora furono 35.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso